Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Sistemi Innovativi. Un approccio regionale a livello europeo

In questo lavoro ci si propone di fornire uno studio sui sistemi innovativi con particolare interesse verso i sistemi innovativi regionali a livello europeo al fine di analizzare possibili carenze strutturali nelle Regioni obiettivo 1.
L’importanza cruciale di questo ambito e le pressioni sempre piu’ pressanti che spingono i singoli Paesi ad essere sempre piu’ competitivi, mi ha indirizzato verso un’analisi dell’innovazione. Dapprima sara’ intenzione di questo studio definire l’innovazione in quanto tale e successivamente trattare e approfondire la sua natura sistemica, basandosi sulle evidenze scientifiche raggiunte dagli studi in materia.
A seguito di questa disamina, questa tesi si propone di analizzare pure gli studi empirici econometrici svolti nel campo dei sistemi innovativi regionali e sulla base delle informazioni statistiche presenti in alcuni database tra cui quello dell’Eurostat e dell’Istat, ci si propone di presentare eventuali carenze strutturali nel campo dell’innovazione delle regioni obiettivo 1 ed in particolare anche il divario innovativo presente in Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Nell’anno 2000, durante il Consiglio europeo di Lisbona, i Capi di Stato si accordarono per un obbiettivo comune: l’Unione Europea doveva diventare “L’economia, basata sulla conoscenza, piu’ competitiva e dinamica al mondo, capace di sostenere la crescita economica con una crescita del mondo del lavoro ed una maggiore coesione sociale” (CE, 2002). Nel 2005 la dichiarazione di Lisbona e’ stata revisionata perche’ attraverso un’analisi della Commissione delle comunita’ europee, e’ stato verificato che gli obiettivi non sono stati raggiunti. In tal senso, non si sottolineano più gli obiettivi in cifre (mantenendo soltanto quello del 3% del PIL nel 2010 per la ricerca e lo sviluppo), ma si insiste sull’azione urgente da svolgere negli Stati membri nel campo delle politiche del mercato del lavoro (processo di Lussemburgo), delle riforme microeconomiche e strutturali (processo di Cardiff) e delle misure macroeconomiche e di bilancio (processo di Colonia)1. Solo un approccio politico nazionale 1 http://europa.eu/legislation_summaries/employment_and_social_policy/growth_and_jobs/c11325_it.h tm

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Scire' Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1502 click dal 25/10/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.