Skip to content

Studio ambientale e geochimico della situazione pre-iniezione di CO2 negli acquiferi superficiali per stoccaggio geologico di CO2 ai fini di EGR

Informazioni tesi

  Autore: Tommaso Colafiglio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria energetica e nucleare
  Relatore: Angelo Spena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 250

La mia tesi ha affrontato due argomenti principali: lo studio della tecnologia CCS e l'uso della CO2 come cushion gas.
La crescente concentrazione di gas serra in atmosfera ha causato un incremento della temperatura del pianeta negli ultimi cinquant’anni. Per contenere nel XXI secolo l’aumento di questa temperatura entro 2°C, occorrerà mantenere la concentrazione di CO2 in atmosfera inferiore ai 450 ppm, ossia un livello annuo di emissioni antropogeniche intorno a 6,5 GtC.
La IEA (International Energy Agency) ha attribuito al CCS un grosso potenziale di riduzione delle emissioni di CO2 e l’ha posta al secondo posto fra le tecnologie su cui bisogna investire per un futuro che coniughi sviluppo e difesa dell’ambiente prima delle rinnovabili e del nucleare di quarta generazione.
Il CCS (Carbon Capture & Storage) comprende tre distinte fasi: cattura, trasporto e stoccaggio.
La cattura è applicabile maggiormente a sorgenti concentrate, come impianti che producono energia elettrica o processi industriali. I tre metodi principali per catturare la CO2 sono la post-combustione, la combustione oxy-fuel e la pre-combustione.
Il trasporto della CO2 è effettuato in stato supercritico attraverso pipeline o cisterne.
Infine c’è lo stoccaggio che dev’essere effettuato sotto un caprock impermeabile, a profondità inferiori agli 800 m perché a quella profondità la CO2 diventa supercritica, cioè la sua densità diventa prossima a quella dell’acqua. Ciò significa che si comporta come un fluido occupando un volume molto inferiore rispetto a quando si trova allo stato gassoso.
Lo stoccaggio può essere fatto in reservoir esauriti o semi-esauriti di gas e/o petrolio, in profondi acquiferi salini o in letti a carbone non estraibile. I profondi acquiferi salini hanno una capacità globale mondiale di stoccaggio pari a circa 10000 Gt CO2, i campi esauriti di gas e petrolio una capacità di 900 Gt CO2 e i letti a carbone non estraibile di 40 Gt CO2.
I costi passeranno dai 60-90 euro/tonn CO2 dei primi progetti pilota ai 30-45 euro/tonn CO2 dei progetti nella fase commerciale matura. La fase di cattura assorbirà in tutti i casi i 2/3 del costo totale.
Una particolare applicazione dello stoccaggio, in un giacimento esaurito di gas naturale, è l’utilizzo della CO2 per la parziale costituzione o sostituzione del cushion gas. Il cushion gas è un volume di gas che resta immobilizzato in giacimento per tutto il periodo in cui questo è utilizzato come stoccaggio, al fine di mantenere la pressione necessaria all’erogazione. Ha lo scopo di consentire un efficiente funzionamento dello stoccaggio alle massime prestazioni possibili. L’efficienza dello stoccaggio del gas può essere migliorata se il cushion gas ha un’elevata compressibilità. La compressibilità della CO2 quand’è allo stato supercritico, permette di iniettare quantitativi di working gas maggiori, rispetto a quando si utilizzano CH4 o gas inerti.
In Italia, nel 2008, è stato firmato un accordo fra l’Eni e l’Enel per uno studio di fattibilità sul CCS. In tre anni saranno trasportate 24000 tonnellate di CO2 da un impianto di cattura dell’Enel a Brindisi a un sito di stoccaggi o dell’Eni a Cortemaggiore per migliorare le conoscenze sul CCS e verificare la possibilità di usare la CO2 come cushion gas.
È stata fatta infine una valutazione economica sulla tipologia di trasporto da effettuare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa PREMESSA L’obiettivo di questa tesi di laurea è stato quello di effettuare, con l’INGV, una campagna conoscitiva sulle acque del sottosuolo nell’area di Cortemaggiore, in Val Padana (Italia Settentrionale), con lo scopo di fornire un inquadramento idrogeologico e geochimico dell’area, in un contesto di studi di fattibilità di stoccaggio geologico di CO . La tesi infatti si inserisce nell’ambito del Progetto ENI-GHG che si propone, come 2 test-site, di studiare la fattibilità dello stoccaggio geologico di CO ai fini della 2 produzione di gas naturale, utilizzando l’anidride carbonica di origine antropogenico/industriale, nell’area di Cortemaggiore, come “cushion gas” (pressione aggiuntiva del componente CO che si aggiunge al gas naturale presente nel reservoir 2 depleto). Il Progetto ENI-GHG si inserisce comunque nell’ambito di altri progetti italiani ed esteri di stoccaggio geologico di CO , ed in particolare nell’accordo ENI- 2 ENEL. Uno dei maggiori requisiti nella applicazione commerciale del sequestro geologico di gas (CO , CH ) è il monitoraggio dei “leakage” sia pre-iniezione che post-iniezione. In 2 4 particolare la presente tesi di inserisce nelle attività del primo tipo. Infatti il monitoraggio areale del degassamento è un aspetto essenziale per l’implementazione “con successo” dello stoccaggio geologico di questo tipo. I monitoraggi areali sui test- sites, aiutano a dimostrare che lo stoccaggio geologico di gas è sicuro e non crea effetti negativi sul territorio e sull’ambiente e che rappresenta, nel caso della CO in 2 particolare, un effettivo metodo di abbattimento del gas serra. Il test-site italiano ENI-GHG sarà il primo sito italiano (se non mondiale) che si prefiggerà l’uso multiparametrico, multi-fasico (gas suolo e gas disciolti) e su griglia sufficientemente fitta e grande in termini statistici (circa 700 punti gas nei suoli e 37 7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

20-20-20
ccs
co2
cushion gas
energia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi