Skip to content

Il socio coimprenditore e la contrattazione collettiva UNCI/CONFSAL

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Marcelli
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in diritto del lavoro, sindacale e sicurezza sociale
Anno: 2009
Docente/Relatore: Pasquale Sandulli
Istituito da: Università degli Studi Europea di Roma
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

Il lavoro parte dall’analisi dell’attuale crisi economica, certo globale e finanziaria, ma con molti risvolti produttivi legati alla delocalizzazione della produzione. La frammentazione e la segmentazione del sistema ford-taylorista, ben intuito da D’Antona nel concetto “le aziende hanno le gambe”, portano –oggi ancor di più- a considerare la cooperazione come un rimedio anticiclico quando essa, ovviamente, non rientri nel cd. mutualismo spurio. La scossa introdotta dalla “Riforma Biagi” dimostra che le fasi, anche sperimentali, di innovazione del diritto del lavoro che recepiscono e incardinano, nel sistema legislativo, le spinte economiche vedono in Italia una forte ed aprioristica resistenza da parte di un arcaico corporativismo sindacale e datoriale che affonda le sue radici nel post-fascismo e che tocca ancora la rappresentanza sindacale e la contrattazione collettiva. Detto corporativismo, fondato sulla mancata attuazione dell’art. 39 Cost., viene analizzato nel suo rigido tentativo di mantenere saldo il potere acquisito negli anni dalle confederazioni storiche, ma che nella realtà dei fatti si rivela quanto mai debole. La nuova stagione della contrattazione UNCI/CONFSAL intrapresa nel settore cooperativo è una sfida legata alla peculiarità del settore rivisitato dalla l. 142/01 e dal d.lgs. 276/03. Ne scaturisce un quadro in cui la flessibilità e la sicurezza sociale, che dovrebbero essere una risposta al lavoro deregolato, possono avere un laboratorio di analisi diverso nella cooperazione in cui il capitale è al servizio dell’uomo e non viceversa. Senza, tuttavia, uno Statuto dei Lavori che si affianchi alla l. 300/70, alla riforma della rappresentanza sindacale e degli ammortizzatori sociali, la classe lavoratrice non sarà solo condannata a venir messa in un angolo, bensì a vedere al palo il proprio sviluppo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo I BREVI CENNI INTRODUTTIVI SULLA COOPERAZIONE SOMMARIO: 1. Noterelle introduttive ovvero del “demone” socratico. – 2. La cooperativa: alternativa o aiuto alla crisi ed agli ammortizzatori sociali. - 3. La normativa italiana sulla cooperazione fino al 1942. 1. Noterelle introduttive ovvero del “demone” socratico. Alla fine di ogni fase di studi si sente la fatica dello sforzo fatto e si pensa che sia davvero l’ultimo. Come diceva, però, Pietro Nenni “(…) Se si sente la politica come un imperativo morale non è la stanchezza o desiderio che conti. Si è nella battaglia e ci si sta. E’ quello che pedestremente chiamo crepare alle stanghe della carretta (…)”. A me, purtroppo o fortunatamente non so, capita lo stesso con il diritto del lavoro. Nella mia tesi di laurea, che toccava il diritto di sciopero, l’imperativo era una specie di summa fra Sindacato e Professione relativa al quadro costituzionale comparato italo-spagnolo, in cui le buone prassi del mio relatore, Prof. Fulco Lanchester, portarono alla conclusione che “(…) cualquier estudio sobre este tema se asienta sobre un terreno peligroso, al que han precedido erupciones y que nunca está totalmente frío (…). Es muy fácil quemarse con un material tan tramposo y explosivo [que merecería] el registro accidentado del sismógrafo (…)” 1. Conclusione questa che dava la stura e la voglia di procedere ad altro approfondimento che, ben presto e dopo una piccola svolta verso il Diritto Tributario, non ha tardato ad arrivare puntuale. 1 M. O. SÁNCHEZ MÁRTINEZ, La huelga ante el derecho–conflictos, valores y normas, Dykinson, Madrid, 1997, 13.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

confsal
contratti pirata
cooperativa
legge 142/2001
rappresentatività sindacale
socio-lavoratore
unci

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi