Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Servizi di prevenzione e protezione: responsabilità penali

All'interno della mia tesi ho affrontato il tema delle (eventuali) responsabilità penali del responsabile del servizio prevenzione e protezione dai rischi alla luce del Testo unico per la sicurezza sul lavoro. In particolare si affronta il tema delle responsabilità alla luce degli articoli del codice penale 437, 451, 589 e 590 e le eventuali responsabilità alla luce delle fattispecie contravvenzionali prevista dal Testo unico.

Mostra/Nascondi contenuto.
V INTRODUZIONE La sicurezza sul lavoro è più che mai un tema vivo e scottante, soprattutto in momento come questo, di crisi economica mondiale, ove le risorse destinate alla tutela della sicurezza morale ma soprattutto fisica dei lavoratori sono sempre minori. Tutti i giorni leggiamo sui giornali, sentiamo dai telegiornali, una insopportabile espressione: “morti bianche sul lavoro”. Neppure l’evoluzione tecnica e scientifica, arrivata oramai a livelli impressionanti, è riuscita a fermare questo fenomeno degradante per una società che possa ritenersi civile. Un valido programma di tutela viene ancorato a tre momenti preliminari: la conoscenza globale e specifica delle situazioni di rischio; la valutazione del grado di intensità degli stessi; l’acquisizione di notizia aggiornate alle misure più idonee. A questo fine è necessaria un ampia partecipazione e collaborazione all’interno dell’impresa. La figura che andremo ad analizzare venne introdotta nel nostro ordinamento solo in tempi abbastanza recenti: nel 1994, il legislatore emana il D. lgs. n. 626/1994, in virtù dell’obbligo di conformazione alle direttive europee degli anni 89’ e 90’ relative al miglioramento della salute e della sicurezza dei lavoratori sui luoghi di lavoro. Scopo di questo lavoro sarà , per prima cosa, analizzare e valutare quali sono i compiti di tale figura all’interno del complesso sistema di gestione della sicurezza delineato dal legislatore, anche a seguito dell’importante modifica del 2008, con l’attuazione del primo Testo unico per la sicurezza sul lavoro nel nostro ordinamento. Ebbene tale soggetto riveste un ruolo fondamentale nella gestione della sicurezza all’interno dei luoghi di lavoro, è il motore di questo sistema in quanto, come posto abituale di lavoro, ha l’ideale sedia di regia del pannello di controllo del livello di sicurezza e di salute in azienda. E’ suo compito

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Claudio Rossi Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2092 click dal 03/11/2010.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.