Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Alternative di pretrattamento per il compostaggio della frazione organica di rifiuto prodotta nei paesi in via di sviluppo – applicazione al caso Ambanja

La città di Ambanja, situata nella valle del Sambirano, a nord est del Madagascar è sede di un grande mercato di prodotti alimentari che serve l’intero distretto. Nella regione opera l’ADAPS, cooperativa di agricoltori, che si propone lo sviluppo dell’agricoltura e la protezione dell'ambiente nella valle del Sambirano.
Il progetto Ambanja-Madagascar nasce in seguito alla richiesta pervenuta dal dottor Noviasy Florian, agronomo e presidente dell’ADAPS, che intende collaborare con Ingegneria Senza Frontere per trovare soluzioni tecniche atte a migliorare la condizione igienico-sanitaria della città di Ambanja.
L’attenzione si è focalizzata sullo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (RSU) del mercato con particolare attenzione alla frazione organica (FORSU) poiché da analisi merceologica risulta essere circa l’80% dell’intero rifiuto. Il compostaggio permette di trattare notevoli quantitativi di FORSU trasformandola, con tecniche semplici, in un terreno ricco di nutrienti e dunque ottimo come ammendante. È una tecnica ampiamente utilizzata nei paesi a sud del mondo e già adottata sugli scarti dell’agricoltura dal dott. Noviasy.

Affinché tali obiettivi vengano raggiunti nel migliore dei modi, si stanno svolgendo, presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II e l’Università La Sapienza di Roma, in collaborazione con l’ENEA, diverse tesi di laurea.
Una prima serie di sperimentazioni svolte sulla FORSU ricostruita secondo la composizione indicata dal dott. Noviasy presso il laboratorio di ingegneria sanitaria a partire dal febbraio 2007 ha messo in luce alcune difficoltà nel processo di compostaggio, rilevabili dall’andamento della temperatura di processo e dell’umidità.
Dopo una prima fase di innalzamento delle temperature fino a 65°C, l’eccessiva umidità (87%) ha favorito un compattamento della biomassa, tale da inibire la circolazione dell’aria all’interno della stessa, provocando un notevole rallentamento del processo e la formazione di sacche di anaerobiosi, fonti di consistenti emissioni maleodoranti.
Successivi rivoltamenti hanno mitigato solo in parte il problema, non riuscendo a ripristinare la porosità della matrice, di consistenza troppo molle.
Per porre rimedio a tali problematiche sono state formulate varie ipotesi di pretrattamenti, atti a migliorare la struttura della matrice e a portare l’umidità iniziale a valori più prossimi a quelli ottimali (circa 60%).
In particolare sono state preparate 5 matrici ognuna delle quali è stata sottoposta ad un diverso pretrattamento, prima di essere avviata al compostaggio, di cui è stata monitorata solo una prima fase (12 giorni).
La sperimentazione ha individuato la triturazione quale pretrattamento indispensabile per l’avvio del processo, ma non sufficiente per il suo proseguimento ottimale.
Notevoli difficoltà legate a effetti di scala e difetti delle procedure sperimentali hanno portato a definire un preciso protocollo per le successive sperimentazioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Mercato di Ambanja Capitolo 1 PREMESSA 1.1 INGEGNERIA SENZA FRONTIERE “Ingegneria Senza Frontiere – Napoli” è un’associazione di promozione sociale che, nata presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli studi di Napoli Federico II, ha come scopo la cooperazione con i paesi in via di sviluppo attraverso un’azione di ricerca e di formazione, promossa all’interno della stessa Facoltà, unita ad un lavoro progettuale e, ove possibile, di vera e propria realizzazione “in loco”; tali azioni si esplicano condividendo con i paesi beneficiari tecnologie e risorse, nel più profondo rispetto della cultura e dell’identità di ciascuna comuni- tà. 1.2 PROGETTO AMBANJA – MADAGASCAR La città di Ambanja è situata nella valle del Sambirano, a nord est del Madagascar (circa 500km a nord di Antananarivo). Que- sta regione è attraversata dal fiume Sambirano, che nasce dal monte Tsaratanana e sfocia nella baia di Ampasindava. Con circa 30.000 abitanti, per lo più contadini, Ambanja è una delle potenze agricole del Madagascar. La produzione annua di cacao in Madagascar (circa 5000 tonnellate), deriva,

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Michele Alexander Gennaro Pagano Di Melito Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 322 click dal 29/10/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.