Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo degli shock finanziari per il ciclo economico americano: due indicatori finanziari a confronto

La tesi presenta un confronto tra due indicatori finanziari, per cercare di catturare l'impatto degli shock finanziari sul ciclo economico americano.
Il primo indicatore utilizzato è spread, ovvero lo spread tra due tipi diversi di emissioni obbligazionarie. Il secondo indicatore finanziario è il Kansas City Financial Stress Index (KCFSI), sviluppato da Hakkio e Keeton. Esso è un indicatore sintetico composto da undici variabili economico-finanziarie.
Quest'ultimo, ritenuto avere proprietà superiori al primo, conduce a ritenere significativa l'influenza della borsa sulle altre variabili macroeconomiche, in particolare sulle decisioni della Fed.
Infine sono state effettuate delle simulazioni controfattuali, per indagare sulle possibili conseguenze sul ciclo economico americano, nel caso in cui la Fed non avesse tenuto in considerazione l’andamento del mercato finanziario. Se ciò succedesse, vi sarebbe un aumento sostanziale della volatilità di tutte le altre variabili considerate.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questa tesi aronta uno dei temi più discussi in ambito economico-nanziario. La recente crisi, infatti, ha risollevato la discussione su come le autorità politi- che arontino le oscillazioni dei mercati nanziari. È sicuramente interessante indagare sulle manovre adottate da banche centrali e sistema politico nei mo- menti di agitazione nanziaria, ma è altrettanto curioso l'approfondimento di tali reazioni in tempi relativamente tranquilli. Questo lavoro stima un modello DSGE con dati americani riguardanti il pe- riodo 1990:I-2008:II, nel quale è prevista, ma non necessariamente richiesta, un'equazione caratterizzante il grado di brillantezza nanziaria. La versione empirica del modello è già stata sviluppata e trattata da autori, come Nisticò, Airaudo, Zanna e Castelnuovo (cfr. [2], [19], [13], [10]). Per catturare l'impatto degli shock nanziari, verranno utilizzati e messi a confronto due indicatori nanziari: il primo è lo spread tra rendimenti di due diversi tipi di emissioni obbligazionarie, i.e. (AAA−BAA), la cui classicazio- ne è da attribuire all'agenzia di rating Moody's. Nel dettaglio, AAA identica le emissioni dimigliorequalità eminorrendimento rispettoaquelle classicate come BAA. In questo modo l'indicatore che si ottiene è uno strumento nan- ziario che permette di monitorare la solidità nanziaria del sistema economico americano. Il secondo indicatore impiegato è il Kansas City Financial Stress Index (KCF- SI), sviluppato recentemente da Hakkio e Keeton (cfr. [16]). Gli stessi svi- luppatori, come anche altri autori (cfr. [17]), hanno dimostrato le superiori 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Claudia Porcellato Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1636 click dal 29/10/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.