Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La rappresentanza nell'era dei social network

C’è un legame diretto tra politica, politica dei media e crisi della legittimità politica, fenomeno che in Italia ha prodotto, ad esempio, alcune aberrazioni dell’attuale presidente del Consiglio dei Ministri, Silvio Berlusconi, e contemporaneamente, nel mondo globale, consente ai movimenti sociali antagonisti di intervenire con mezzi e modalità innovative, in opposizione alle frame interpretative offerte dalle logiche capitaliste di networking delle élite politiche e del potere mediale.
L'orizzontalità della rete internet entra così potenzialmente in conflitto con la verticalità del potere economico e politico, finendo per restituire potere all’opposizione sociale e dando vita a processi di comunicazione individuale di massa, come li chiama Manuel Castells, che attraverso siti, blog, social network e la comunicazione via web e cellulare consentono la diffusione virale di messaggi. Registriamo dunque uno spostamento della politica, e più in generale della sfera pubblica, dall’universo istituzionale allo spazio più ampio della comunicazione.
In questo contesto, in cui sono sempre più labili e continuamente ridefiniti i confini tra produttore e ricettore, i processi e le pratiche di rimediazione diventano fondamentali per una produzione collettiva e alternativa di senso. Ne consegue che in un mondo sociale in cui la cultura del visuale prevale, in cui tutta la sfera pubblica è spettacolarizzata e in cui l’eccesso del visivo può rivelarsi l’oppio dei popoli del ventunesimo secolo, ridiventa centrale un problema antico che ha a che fare con la consapevolezza e con la competenza degli “spettatori”, con la loro capacità di interpretazione e ridefinizione dei messaggi, in ultima analisi, con la loro abilità nella produzione di senso collettivo.
Questo discorso però non elude, anzi ripropone con forza, il tema della rappresentanza politica e sociale di questa comunità perennemente in bilico tra l’aspirazione a una lettura evoluta dei fenomeni sociali e una ricezione passiva di contenuti. Non si tratta solo di trovare leader in grado di interpretare questa complessità, si tratta anche di ridefinire le forme di espressione e gli stessi obiettivi della politica in generale, innalzando i livelli di consapevolezza dei rappresentati e restituendo loro una parte del potere ceduto ai rappresentanti. Si tratta, infine, non solo di ridefinire l’agenda setting dei contenuti politici, ma di portare in evidenza i temi cancellati del tutto dal dibattito collettivo, come ad esempio il lavoro, e di dare voce a coloro i quali non riescono ad accedere alle forme di comunicazione meanstream.
In uno scenario così descritto, sono stati analizzati in particolare due casi ritenuti emblematici: la campagna presidenziale di Obama, che è stata un compendio di alcune tra le più recenti e migliori pratiche di storytelling, framing e indexing, e contestualmente ha disvelato al mondo intero le potenzialità della rete per la politica, e la campagna di Vendola del 2010 per la presidenza della giunta regionale in Puglia che ha cercato di scrivere una storia condividendola con coloro che la fanno, i cittadini pugliesi, e ponendo contemporaneamente l’accento sul tema della ricostruzione del lessico della sinistra in Italia, ritenuta condizione necessaria per la sua unità.

Mostra/Nascondi contenuto.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Maria Luigia Campaniello Contatta »

Composta da 192 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2234 click dal 04/11/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.