Skip to content

La rappresentanza nell'era dei social network

Informazioni tesi

  Autore: Maria Luigia Campaniello
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della comunicazione sociale e istituzionale
  Relatore: Eugenio  Iorio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 192

C’è un legame diretto tra politica, politica dei media e crisi della legittimità politica, fenomeno che in Italia ha prodotto, ad esempio, alcune aberrazioni dell’attuale presidente del Consiglio dei Ministri, Silvio Berlusconi, e contemporaneamente, nel mondo globale, consente ai movimenti sociali antagonisti di intervenire con mezzi e modalità innovative, in opposizione alle frame interpretative offerte dalle logiche capitaliste di networking delle élite politiche e del potere mediale.
L'orizzontalità della rete internet entra così potenzialmente in conflitto con la verticalità del potere economico e politico, finendo per restituire potere all’opposizione sociale e dando vita a processi di comunicazione individuale di massa, come li chiama Manuel Castells, che attraverso siti, blog, social network e la comunicazione via web e cellulare consentono la diffusione virale di messaggi. Registriamo dunque uno spostamento della politica, e più in generale della sfera pubblica, dall’universo istituzionale allo spazio più ampio della comunicazione.
In questo contesto, in cui sono sempre più labili e continuamente ridefiniti i confini tra produttore e ricettore, i processi e le pratiche di rimediazione diventano fondamentali per una produzione collettiva e alternativa di senso. Ne consegue che in un mondo sociale in cui la cultura del visuale prevale, in cui tutta la sfera pubblica è spettacolarizzata e in cui l’eccesso del visivo può rivelarsi l’oppio dei popoli del ventunesimo secolo, ridiventa centrale un problema antico che ha a che fare con la consapevolezza e con la competenza degli “spettatori”, con la loro capacità di interpretazione e ridefinizione dei messaggi, in ultima analisi, con la loro abilità nella produzione di senso collettivo.
Questo discorso però non elude, anzi ripropone con forza, il tema della rappresentanza politica e sociale di questa comunità perennemente in bilico tra l’aspirazione a una lettura evoluta dei fenomeni sociali e una ricezione passiva di contenuti. Non si tratta solo di trovare leader in grado di interpretare questa complessità, si tratta anche di ridefinire le forme di espressione e gli stessi obiettivi della politica in generale, innalzando i livelli di consapevolezza dei rappresentati e restituendo loro una parte del potere ceduto ai rappresentanti. Si tratta, infine, non solo di ridefinire l’agenda setting dei contenuti politici, ma di portare in evidenza i temi cancellati del tutto dal dibattito collettivo, come ad esempio il lavoro, e di dare voce a coloro i quali non riescono ad accedere alle forme di comunicazione meanstream.
In uno scenario così descritto, sono stati analizzati in particolare due casi ritenuti emblematici: la campagna presidenziale di Obama, che è stata un compendio di alcune tra le più recenti e migliori pratiche di storytelling, framing e indexing, e contestualmente ha disvelato al mondo intero le potenzialità della rete per la politica, e la campagna di Vendola del 2010 per la presidenza della giunta regionale in Puglia che ha cercato di scrivere una storia condividendola con coloro che la fanno, i cittadini pugliesi, e ponendo contemporaneamente l’accento sul tema della ricostruzione del lessico della sinistra in Italia, ritenuta condizione necessaria per la sua unità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione individuale di massa
comunicazione politica
obama
politica dei media
rappresentanza
rimediazione
social network
vendola

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi