Skip to content

Cuneo fiscale ed equilibrio macroeconomico: una comparazione tra paesi europei

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Giacoia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Politica
  Relatore: Claudio De Vincenti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

È da tempo in corso un dibattito circa la rilevanza del cuneo fiscale e contributivo per la crescita e l’occupazione nei paesi industrializzati. La presenza del cuneo crea, infatti, distorsioni sul mercato del lavoro nell’incontro tra domanda e offerta; un incremento della parte datoriale del cuneo fa sí che la domanda di lavoro ne risulti ridotta: maggiori contributi sociali versati dalle imprese si traducono, a parità di salario lordo, in un costo del lavoro più rilevante per ogni lavoratore impiegato. Anche l’offerta di lavoro non rimane insensibile alla presenza del cuneo fiscale e contributivo. La parte di cuneo che incide sul comportamento dei lavoratori – o di chi li rappresenta – si presenta sotto forma di imposte sul reddito e contributi sociali. Questi prelievi riducono il salario netto disponibile per i consumi dei lavoratori ed un loro aumento, in un sistema di contrattazione salariale, rafforza le richieste per un maggior salario lordo.
In sintesi il cuneo fiscale e contributivo sembra avere effetti negativi sia sulla domanda sia sull’offerta di lavoro, configurandosi così come un elemento distorsivo per la determinazione di salari e occupazione d’equilibrio nel mercato del lavoro.
Tuttavia, non va trascurato un elemento che riguarda una delle funzioni principali di imposte e contributi. Questi due elementi sono necessari, seppur con mix diversi a seconda dei sistemi di welfare, per finanziare numerose prestazioni pubbliche, tra cui quella per la protezione sociale dei lavoratori.
Tale percezione in chiave “assicurativa” che i lavoratori hanno del cuneo, può in qualche misura attenuare la relazione causale tra alto cuneo, alto costo del lavoro e alta disoccupazione. In questo contesto, un incremento del cuneo non si traduce necessariamente in salari lordi più alti – ed in un maggior costo del lavoro – poiché i lavoratori “scambiano” una parte della loro retribuzione netta per una maggior protezione contro gli eventi negativi connessi al lavoro. Si determina cosí un processo di moderazione salariale che contiene il costo del lavoro favorendo l’occupazione.
Nel mio lavoro ho, dunque, analizzato il rapporto tra cuneo e disoccupazione attraverso alcune analisi descrittive utilizzando i dati messi a disposizione dall’OCSE nel rapporto annuale Taxing Wages, mostrando come non vi sia una chiara relazione negativa tra cuneo e occupazione; in seguito, utilizzando un modello teorico di contrattazione salariale con sindacato monopolista, ho esaminato i risultati teorici con riferimento ai salari e all’occupazione d’equilibrio, anche alla luce della percezione dei lavoratori circa il sistema di welfare state. In seguito, attraverso l’uso dei micro dati EU SILC, ho verificato empiricamente se i differenziali contributivi all’interno dei diversi paesi abbiano influito sulla quota di occupati part time o a tempo determinati rispetto agli occupato totali; e ove questo non fosse accaduto, se vi sia una compensazione salariale per tali lavoratori come premio per il maggior rischio sostenuto. Per far ciò, ho stimato il wage gap che si crea tra lavoratori a termine e lavoratori stabili, notando come i primi siano sfavoriti anche da questo punto di vista.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE ¨ da tempo in corso un dibattito circa la rilevanza del cuneo fiscale e contributivo per la crescita e l’occupazione nei paesi industrializzati. Da piø parti si sono levate voci favorevoli ad una sua riduzione, come misura per incrementare la competitività delle economie piø sviluppate, nella “guerra” globale con i paesi di nuova industrializzazione. Oltre che sulla competitività, un cuneo molto invadente ha ripercussioni occupazionali negative. La presenza del cuneo fiscale e contributivo crea, infatti, distorsioni sul mercato del lavoro nell’incontro tra domanda e offerta; un incremento della parte datoriale del cuneo fa sí che la domanda di lavoro ne risulti ridotta: maggiori contributi sociali versati dalle imprese si traducono, a parità di salario lordo, in un costo del lavoro piø rilevante per ogni lavoratore impiegato. La minor convenienza ad occupare lavoro, spinge le imprese ad una sua sostituzione con il capitale, e, di rimando, la quota di disoccupati nell’economia diventa piø consistente. Anche l’offerta di lavoro non rimane insensibile alla presenza del cuneo fiscale e contributivo. La parte di cuneo che incide sul comportamento dei lavoratori – o di chi li rappresenta – si presenta sotto forma di imposte sul reddito e contributi sociali. Questi prelievi riducono il salario netto disponibile per i consumi dei lavoratori ed un loro aumento, in un sistema di contrattazione salariale, rafforza le richieste per un maggior salario lordo. Dal punto di vista delle imprese, il risultato è il medesimo, ovvero un aumento del costo del lavoro che agisce da deterrente per la creazione o il mantenimento di posti di lavoro. In sintesi il cuneo fiscale e contributivo sembra avere effetti negativi sia sulla domanda sia sull’offerta di lavoro, configurandosi così come un elemento distorsivo per la determinazione di salari e occupazione d’equilibrio nel mercato del lavoro. Oltre l’interpretazione del cuneo come costo per le imprese, non va trascurato un elemento che riguarda una delle funzioni principali di imposte e contributi. Questi due elementi sono necessari, seppur con mix diversi a seconda dei sistemi di welfare, per finanziare numerose prestazioni pubbliche, tra cui quella per la protezione sociale dei lavoratori. Visto sotto quest’ottica, il cuneo assume caratteristiche assimilabili ad una sorta di risparmio obbligatorio, che assicura i lavoratori contro i rischi imputabili alla vita lavorativa. Non sempre la copertura di questi rischi è affidata al sistema pubblico, e 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contrattazione salariale
contratti di lavoro aripici
cuneo fiscale
dati eu silc
finanziamento del welfare
spesa sociale privata
tassazione del lavoro
taxing wages

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi