Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La convenzione internazionale dell’infanzia del 1989: ruolo dell'educatore nella promozione dei diritti dei bambini

La seguente tesi si occupa in maniera specifica della Convenzione internazionale dell'infanzia del 1989. Da una panoramica generale del diritto minorile , si passaalla descrizione della struttura della CRC e della sua applicazione in Italia. Inoltre è stato fatto un progetto su come sia importante l'educazione ai diritti contenuti nella Convenzione, con l'appoggio dell' UNICEF Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro nasce come tentativo di esplorare e, per quanto possibile, approfondire la riflessione sui diritti dei bambini nell’attuale contesto storico-sociale. Nonostante i numerosi documenti internazionali che specificano i diritti dei minori, ancora oggi essi sono considerati incapaci di agire e di partecipare nella società in cui vivono e sono ancora attuali, purtroppo, le sofferenze e le violenze subite dai bambini nei Paesi in via di Sviluppo, così come attuali sono i soprusi anche nell’Occidente industrializzato. Il primo radicale passo verso il cambiamento nella visione del bambino è avvenuto il 20 novembre 1989 a New York, quando è stata presa una decisione storica dai leader del mondo che hanno approvato la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. L’idea che tale documento propone è quella di promuovere i diritti dell'infanzia, introducendo l'idea del bambino come soggetto di diritti invece che come mero oggetto di tutela e protezione. Essa, inoltre, si affianca non solo a diritti universalmente già riconosciuti e sanzionati (quali il diritto alla salute, all’istruzione), ma amplia e specifica, una serie di diritti di nuova generazione (come il diritto all'identità del bambino, della sua dignità e della libertà d’espressione). La Convenzione è uno strumento potente per tutti i bambini del mondo e sancisce che essi sono soggetti di diritto e non semplicemente oggetti di preoccupazione o beneficiari di carità. A essi deve rivolgersi l’attenzione 5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Laura Scalco Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3173 click dal 03/11/2010.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.