Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mentoring nel recupero del disadattamento minorile

La mia tesi è sperimentale e cerca di dimostrare se il mentoring sia effettivamente una metodologia utilizzabile per il recupero del disadattamento minorile. Qusta ricerca si basa su un Centro d'Accoglienza di Roma, Centro Don Bosco, dove vengono inviati ragazzi con problematiche sociali famigliari e pedagogiche. La tesi si suddivide quindi in un primo capitolo dove si parla del disadattamento minorile, seguita dalla descrizione della metodologia Mentoring, e infine l'ultimo capitolo cerca di analizzare e comparare le modalità utilizzate nelle pratiche mentoring e quelle utilizzate nel centro d'accoglienza per arrivare alla dimostrazione del fatto che nel centro Don Bosco in particolare viene inconsapevolmente utilizzato mentoring per lavorare con i ragazzi, e in generale alla dimostrazione che il mentoring risulta essere un ottimo metodo per il recupero del disadattamento minorile.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro è stato ispirato a seguito del tirocinio effettuato nel Centro d’accoglienza Don Bosco in Via Prenestina a Roma. Questo centro si occupa di seguire ragazzi minorenni con problemi o di semplice dispersione scolastica o provenienti dall’area del penale. I ragazzi presentano tutti problemi in famiglia, e conseguenti problematiche di apprendimento e socializzazione. Molti di loro hanno vissuto per gran parte della loro vita in case famiglia e spesso hanno avuto già esperienza di prigione per piccoli reati. Vengono affidati al centro grazie a un provvedimento penale definito “messa alla prova”, spesso come alternativa al carcere. Al loro inserimento nel centro oltre ai vari colloqui privati, viene stipulato il cosiddetto “patto formativo” grazie al quale si stabiliscono degli obiettivi che i ragazzi si impegnano a raggiungere. Il rapporto che questi ragazzi hanno generalmente con gli adulti non è buono, tutti hanno abbandonato la scuola perché questa non ha i mezzi adatti al loro coinvolgimento e provano rifiuto nei confronti dello studio e degli insegnanti che li hanno abbandonati. L’approccio che gli operatori del centro hanno con

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Francesca Sciattella Contatta »

Composta da 49 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 808 click dal 02/11/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.