Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'associazione con finalità di terrorismo internazionale

La presente tesi in Diritto penale, intende offrire una panoramica delle interpretazioni offerte dalla giurisprudenza e dalla dottrina in merito all'art 270 bis come rinovellato dalle ultime sostanziali modifiche da parte della legge 438/2001 e della legge 155/2005, nel quadro delle disposizioni transanazionali europee ed internazionali intercorsi per la disciplina della materia del Terrorismo internazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il problema del terrorismo ha richiesto negli ultimi anni l’adozione di misure che, se da un canto, hanno dovuto recepire le indicazioni delle decisioni internazionali ed europee, dall’altro si sono rivelate ben ponderate in sede legislativa ed applicate con equilibrio in sede giurisdizionale. Nel primo capitolo si mettono in rilievo i caratteri assunti dal terrorismo internazionale che dopo l’attentato di New York del 2001 evidenziava un’evoluzione tale da esigere l’adozione di strumenti di contrasto più efficaci ed adeguati rispetto a quelli del passato. A suo tempo, l’introduzione dell’art. 270-bis c.p. costituiva già il primo e fondamentale passo verso l’adeguamento di questi strumenti di contrasto. Si evidenziano quindi le problematiche dottrinarie connesse all’iter che ha condotto alle attuali configurazioni delle fattispecie in oggetto. Il problema delle Convenzioni internazionali rilevanti per la messa in atto di più adeguati strumenti di contrasto rispetto al passato è certamente centrale: in tal senso, vengono messi in luce i caratteri di quegli atti che hanno 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luca Schietroma Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1524 click dal 11/11/2010.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.