Skip to content

Case report di un atleta master

Informazioni tesi

  Autore: Maria Cristina Ferlito
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Gennaro Gravante
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

Nella tesi è analizzata l’efficacia di un protocollo triennale di allenamento aerobico in un soggetto adulto di età (> 40 anni) nella quale gli apparati e le funzioni generali dell’organismo hanno già iniziato il processo naturale di decadimento che caratterizza l’invecchiamento.
L’invecchiamento (o senescenza) è un processo complesso in cui concorrono diversi fattori che sottendono ad altrettante teorie che nel tempo sono state formulate. Tra queste, la Teoria dei radicali liberi (proposta per la prima volta nel 1957 da Harman ) e la Teoria mitocondriale (proposta a partire dal 1988) si coniugano nell’attribuire la responsabilità dei fenomeni degenerativi della senescenza a un accumulo casuale di danni ossidativi alle macromolecole mitocondriali, in particolare al DNA dei mitocondri (mtDNA), provocati dai radicali liberi ed, in particolare, dalle specie reattive dell'ossigeno (ROS).
I mitocondri metabolizzano circa il 90% dell'ossigeno cellulare e, pertanto, costituiscono una fonte privilegiata di ROS cui, nello stesso tempo, essi sono particolarmente vulnerabili. La vita cellulare stessa è così potenzialmente dannosa per l’organismo, come già ipotizzato dal biologo tedesco August Weismann (1834 –1914).
L’attività fisica (come anche l’alimentazione ) iperattivano le cellule ed i loro mitocondri e, conseguentemente, esaltano la produzione di radicali liberi ed i rischi ad essi associati.
La vita è una successione di condizioni di stress ossidativi intrinseche, ma le cellule sono dotate della capacità di autoproteggersi. La durata della vita dipende da un equilibrio tra l’inevitabile produzione di ROS nel metabolismo aerobico e la capacità delle cellule di proteggersi da questi. In condizioni di eccesso di produzione o di riduzione della capacità delle cellule di neutralizzarli, come presumibilmente accade naturalmente con l’avanzare dell’età, i ROS colpiscono, in maniera casuale, acidi nucleici, proteine e lipidi ed inducono alterazioni cellulari strutturali e funzionali, con conseguenze negative su organi ed apparti dell’organismo.
Vita è Omeostasi, ossia capacità di recupero della condizione di stabilità interna dell’organismo a fronte delle variazioni delle condizioni esterne attraverso meccanismi autoregolatori.
L'invecchiamento fisiologico (o primitivo) può definirsi come un naturale progressivo disadattamento “omeostatico” di protezione delle cellule di fronte agli effetti dello stress ossidativo.
L’adattamento omeostatico naturalmente va incontro ad usura. Potenzialmente è capace di assicurare all’uomo un’aspettativa massima di vita alla nascita ipotizzata sui 120-130 anni. Fattori intrinseci, genetici, e fattori estrinseci, ambientali e comportamentali, interagenti tra loro, possono favorire il raggiungimento di questo traguardo (durata massima di vita), ovvero interrompere il corso della vita più o meno prematuramente. Il miglioramento delle condizioni individuali (dello stile di vita) e collettive (sociali) spostano in avanti l’aspettativa di vita alla nascita (longevità) e la qualità della stessa (aspettativa di vita in salute).
L’auspicata attività fisica nello stile di vita di ogni persona, se da un lato esalta la produzione di scorie ossidative, dall’altro i) stimola i diversi apparati corporei e ii) potenzia le capacità protettive ed adattative allo stress dell’organismo, con un vantaggio netto, di rallentare il processo naturale di decadimento alla base dell’invecchiamento, allungando la durata e migliorando la qualità della vita.
In questa ottica d’interpretazione, sono stati studiati ed analizzati gli effetti di un protocollo d’attività fisica aerobica (attività fisica di resistenza) sulla composizione corporea e sui principali parametri cardiovascolari, respiratori e metabolici di un soggetto adulto dai 46 ai 49 anni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 SOMMARIO Nella tesi è analizzata l’efficacia di un protocollo triennale di allenamento aerobico in un soggetto adulto di età (> 40 anni) nella quale gli apparati e le funzioni generali dell’organismo hanno già iniziato il processo naturale di decadimento che caratterizza l’invecchiamento. L’invecchiamento (o senescenza) è un processo complesso in cui concorrono diversi fattori che sottendono ad altrettante teorie che nel tempo sono state formulate. Tra queste, la Teoria dei radicali liberi (proposta per la prima volta nel 1957 da Harman 1 ) e la Teoria mitocondriale (proposta 2 a partire dal 1988) si coniugano nell’attribuire la responsabilità dei fenomeni degenerativi della senescenza a un accumulo casuale di danni ossidativi alle macromolecole mitocondriali, in particolare al DNA dei mitocondri 3 1 Harman D. Aging: A theory based on free radical and radiation chemistry. J. Gerontol. 1957;2:298-300. 2 .J. Holt et al. (1988). Deletions of muscle mitochondrial DNA in patients with mitochondrial myopathies. Nature, 331: 717-719. D.C. Wallace et al. (1988). Mitochondrial DNA mutation associated with Leber’s hereditary optic neuropathy. Science, 242: 1427-1430. 3 I mitocondri essendo forniti di DNA proprio, sono semiautonomi, capaci di riprodursi all’interno della cellula e di sintesi di alcune proteine.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi