Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Influenza della strategia di iniezione e del tasso di EGR sulle prestazioni e le emissioni di un motore Diesel Common Rail

Nel presente lavoro si intende indagare sull’influenza della legge di iniezione e del tasso di EGR (Exhaust Gas Recirculation) sulle prestazioni e sulle emissioni allo scarico di un motore Diesel BMW da 3000 cm3 di cilindrata, equipaggiato con un sistema di iniezione Common Rail, attraverso un’indagine numerica eseguita mediante il codice di calcolo Kiva-3V.

Entrambi i parametri sono stati opportunamente variati sulla base dei risultati ottenuti da analoghi studi precedenti svolti sul medesimo motore; in particolare, per quanto riguarda la legge di iniezione, si è operato principalmente su fattori quali la tipologia di getto (iniezione singola o doppia), l’angolo di anticipo e la durata, mantenendone costanti altri, come ad esempio la quantità di combustibile iniettata per ciclo; ogni indagine è stata eseguita per due valori del tasso di EGR, del 44% e del 35%, rispettivamente.

Lo scopo è quello di inserirsi in un contesto più ampio e complesso di ricerca e analisi sulle moderne tecniche finalizzate all’abbattimento delle emissioni allo scarico dei motori Diesel (in particolare, NOx e PM), secondo i limiti imposti dalle norme attuali e future (EURO VI), pur garantendo livelli accettabili, se non auspicabili miglioramenti, dell’efficienza e, dunque, del consumo specifico di combustibile.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La richiesta globale di un‟ottimizzazione dei motori a combustione interna, in termini di potenza, affidabilità, rumorosità e consumo di combustile è in continua crescita. Sempre più stringenti sono, al tempo stesso, le normative di contenimento delle emissioni nocive e dei consumi energetici. L‟esigenza di conciliare questi due aspetti ha alimentato la ricerca in ambito motoristico nel trovare soluzioni atte a migliorare le prestazioni e minimizzare la formazione degli inquinanti, pur mantenendo un costo competitivo. Particolare attenzione va rivolta ai motori Diesel, non solo per l‟enorme sviluppo nel campo dell‟autotrazione conseguito negli ultimi decenni, strettamente legato a fattori quali guidabilità, economicità, consumo specifico, nonché flessibilità circa l‟utilizzo di combustibili, ma anche perché sempre maggiori sono gli studi effettuati, le tecnologie disponibili e le conoscenze che permettono a questo tipo di motore di rispondere in maniera innovativa alle richieste del mercato e contemporaneamente di adeguarsi alle future norme anti-inquinamento. Le ultime stime, condotte sull‟andamento del mercato automobilistico europeo, hanno evidenziato che le motorizzazioni Diesel, per anni relegate al ruolo di comprimarie rispetto alle unità ad accensione comandata, hanno ormai raggiunto un ruolo di rispetto nel mercato soddisfacendo in pieno i desideri dei clienti. Questa crescita si deve principalmente all‟introduzione, verso la metà degli anni ‟90, della tecnologia Common Rail ed all‟estensione della sovralimentazione su tutte le motorizzazioni. La principale sfida tecnologica del motore Diesel è oggi rappresentata dal rispetto dei limiti alle emissioni di sostanze inquinanti. Nei paesi della Comunità

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Agostino Perrone Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 792 click dal 08/11/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.