Skip to content

Frangere il silenzio per trovare la verità. L'opera autobiografica My Place di Sally Morgan

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Nigris
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1994-95
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Antonella Riem
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 310

Sally Morgan, nèe Milroy, vede la luce il 18 gennaio 1951 a Manning “a suburb of Perth, Western Australia” e la sua nascita delude fortemente un “overjoyed” papà Bill che invece si aspettava “it to be a son” . Dad Bill dovrà attendere ancora perché successivamente a Sally, a distanza ravvicinata arriveranno Jill, Billy, David ed Helen.
I primi anni di vita di Sally sono difficili sia da un punto di vista di salute fisica, perché, come affermerà Mum Gladys, la sua primogenita “was very sick when she was small, we nearly lost her a couple of times” , sia a causa di un conflittuale rapporto tra Dad Bill e Mum Gladys, dovuto alle ripercussioni negative che la guerra aveva lasciato nella mente del padre, il quale alternava continuamente momenti di apparente serenità a momenti di completa depressione, costringendo così l’intera e numerosa famiglia a vivere costantemente in tensione:
Il ricordo della guerra era diventato l’incubo che accompagnava Bill continuamente, e che cercava di scacciare facendo uso incondizionato di alcool. L’unico tentativo per distoglierlo dalla dipendenza era rappresentato dai soggiorni in ospedale “for psychiatric treatment and alcoholism” ma che finivano per essere un palliativo per una mente ormai troppo minata. Fondamentalmente Bill era un uomo gentile capace di “laugh and joke” con i suoi figli, suscitando nella piccola Sally il desiderio “I wished he’d never change. I wanted him to be like that for ever” , ma Sally era perfettamente conscia che: “there was always the war” e che Dad: “lived with it day and night” . E la notte, in particolar modo, era il momento che tutta la famiglia Milroy maggiormente temeva, perché ogni notte Bill riviveva “POW experiences” negli incubi, che lo rendevano estremamente violento e minaccioso nei confronti dei suoi cari, che terrorizzati scappavano di casa per trovare rifugio presso la vicina di casa, Aunty Grace, come racconta la piccola Sally...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE PIANETA DONNA NELL’AUSTRALIA ABORIGENA 0.1 Sally Morgan si presenta Sally Morgan, née Milroy, vede la luce il 18 gennaio 1951 a Manning “a suburb of Perth, Western Australia” e la sua nascita delude fortemente un “overjoyed” papà Bill che invece si aspettava “it to be a son” 1 . Dad Bill dovrà attendere ancora perché successivamente a Sally, a distanza ravvicinata arriveranno Jill, Billy, David ed Helen. I primi anni di vita di Sally sono difficili sia da un punto di vista di salute fisica, perché, come affermerà Mum Gladys, la sua primogenita “was very sick when she was small, we nearly lost her a couple of times” 2 , sia a causa di un conflittuale rapporto tra Dad Bill e Mum Gladys, dovuto alle ripercussioni negative che la guerra aveva lasciato nella mente del padre, il quale alternava continuamente momenti di apparente serenità a momenti di completa depressione, costringendo così l’intera e numerosa famiglia a vivere costantemente in tensione: “Sally’s white father, damaged and haunted by his experience as a prisoner of war in Germany, keeps the family on the edge of fear” 3 1 Morgan, Sally, My Place, South Fremantle: Fremantle Arts Centre Press, 1987, p.282. D’ora in avanti verrà usata l’abbreviazione M. P., a seguire il numero di pagina 2 ibid. 3 Daniel, Helen, “The Dark Face of a Woman’s Place”, The Age, 4 July, 1987, p.12

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aborigeni australiani
letteratura australiana
sally morgan

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi