Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi dei processi manutentivi in SCA Packaging Italia

La presente tesi è stata svolta nello stabilimento di Porcari (Lucca) della società SCA Packaging Italia S.p.A, facente parte del Gruppo multinazionale SCA. Lo stabilimento di Porcari (Lucca) è costituito da due linee produttive per la produzione di carta a base macero per la realizzazione di cartone ondulato. L’obiettivo di questa tesi è l’ottimizzazione dei processi manutentivi già in atto presso questo impianto, insieme all’analisi e alla successiva organizzazione della manutenzione di un impianto per gli essiccazione degli scarti, accessorio al processo principale, chiamato “Reject Dryer”. Nella prima parte del progetto sono stati analizzati i flussi informativi e di materiali che si generano all’insorgere di un guasto. Oltre a questo si è cercato di comprendere con quali strumenti l’azienda controlla l’efficacia e l’efficienza di questi flussi ed infine sono state adottate alcune procedure per l’ottimizzazione degli interventi di manutenzione. Nella seconda fase è stato analizzato l’impianto per l’essiccazione degli scarti. Tramite questa analisi è stata organizzata una strategia manutentiva e studiata una serie di indicatori di performance (KPI) per verificarne l’efficacia d’impiego.

Mostra/Nascondi contenuto.
Sommario La presente tesi è stata svolta nello stabilimento di Porcari (Lucca) della società SCA Packaging Italia S.p.A, facente parte del Gruppo multinazionale SCA. Lo stabilimento di Porcari (Lucca) è costituito da due linee produttive per la produzione di carta a base macero per la realizzazione di cartone ondulato. L’obiettivo di questa tesi è l’ottimizzazione dei processi manutentivi già in atto presso questo impianto, insieme all’analisi e alla successiva organizzazione della manutenzione di un impianto per l’essiccazione degli scarti, accessorio al processo principale, chiamato “Reject Dryer”. Nella prima parte del progetto sono stati analizzati i flussi informativi e di materiali che si generano all’insorgere di un guasto. Oltre a questo si è cercato di comprendere con quali strumenti l’azienda controlla l’efficacia e l’efficienza di questi flussi ed infine sono state adottate alcune procedure per l’ottimizzazione degli interventi di manutenzione. Nella seconda fase è stato analizzato l’impianto per l’essiccazione degli scarti. Tramite questa analisi è stata organizzata una strategia manutentiva e studiata una serie di indicatori di performance (KPI) per verificarne l’efficacia d’impiego.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Francesco Talini Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1403 click dal 05/11/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.