Skip to content

Frantz Fanon: psichiatria e sofferenza coloniale

Informazioni tesi

  Autore: Federico Bosco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Roberto Beneduce
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 29

La figura di Frantz Fanon nella decolonizzazione del '900 e nell'etnopsichiatria.
Questo lavoro su Fanon ci ha portato all’analisi delle opere dello psichiatra martinicano, opere che dimostrano uno spirito vivace, violentemente vivace ed eclettico, tanto che riassumere in poche parole i temi principali è un’impresa ardua e non scevra di possibili incomprensioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Frantz Fanon 1. Introduzione e biografia Introdurre l’opera e la figura di Frantz Fanon è un compito tendenzialmente arduo: ci troviamo di fronte ad una delle personalità di spicco del XX secolo, figura “di confine”, elemento destabilizzante denso di tensione, una tensione che emerge con violenza, quella medesima violenza che Fanon analizza ne I dannati della terra (1961), in molte pagine dei suoi scritti. Fanon, come vedremo meglio nella parte biografica, visse appena 36 anni, operò nei più svariati ambiti lavorativi e sociologici, dall’Università di Lione alla natale Martinica fino alla scelta di operare da medico e psichiatra in Africa, quell’Africa violentata dai colonizzatori che ci dipinge nelle sue pagine. Fanon si trova spesso a descrivere situazioni ed eventi autobiografici, in Pelle nera, maschere bianche ci spiega cosa ha provato nella sua vita di immigrato: “Non ancora 1 bianco. Non più del tutto nero, ero dannato.” I conflitti interni, che lo spingeranno a scrivere, a cercare di spiegare, a motivare il suo popolo, sono riferibili principalmente a tre situazioni:  la situazione di immigrato che ha dovuto subire in Francia, situazione ripresa in diversi punti soprattutto in Pelle nera, maschere bianche. Fanon ha provato in prima persona le circostanze di cui parla nel libro, sa cosa vuol dire discriminazione, sa cosa significa segregazione e umanità offesa.  la situazione coloniale nel periodo del collasso delle colonie, nel momento in cui spuntarono diversi movimenti di liberazione degli stati africani dall’oppressione occidentale (ricordiamo che Fanon collaborò con il Fronte di Liberazione Nazionale Argentino in qualità di politico e medico, spesso clandestinamente). Questo tema ricorre in tutti i suoi scritti, principalmente i critici prendono in esame I dannati della terra come l’ esempio più illuminante delle idee di Fanon. Hannah Arendt nel 1969 cercò di difendere Fanon dalle accuse mosse nei confronti del primo capitolo di quest’opera, spesso descritta come eccessivamente votata alla violenza fisica per liberarsi dall’oppressione: “Sembra 2 che soltanto il primo capitolo sia stato molto letto.” Il libro, anche a causa del primo capitolo di cui parleremo diffusamente più avanti, è un’analisi lucida del momento attraversato dall’Africa e dall’autore, considerarlo soltanto un’apologia del terrorismo, come è stato detto, significa rinchiuderlo in un discorso che Fanon stesso allontana da sè. 1 F. Fanon, Pelle nera, maschere bianche, Tropea Editore, 1996, pag. 120 2 Arendt H., Sulla violenza, Guanda, Parma, 1996, p. 82 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi