Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Propaganda di massa e organizzazione del consenso nell'Italia fascista

Quanto incidono i mezzi di comunicazione di massa sulla percezione che un popolo ha di un determinato sistema politico? In che modo il regime fascista è riuscito a utilizzare e molto spesso manipolare tali mezzi? Può una sanguinosa dittatura nascondere tutti i suoi misfatti attraverso varie iniziative di facciata e mediante una sofisticata macchina propagandistica e di censura? E soprattutto, com'è potuto sopravvivere così a lungo questo castello di sabbia? Attraverso un'accurata ricerca ho voluto realizzare un'ampia panoramica sulle caratteristiche ideologiche, burocratiche e tecniche della composita macchina propagandistica fascista, che si avvaleva, per i suoi fini, di tutti i mezzi allora a disposizione (stampa, cinema, radio, organizzazioni di massa, ma anche arte, sport, fumetti).

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Quanto incidono i mezzi di comunicazione di massa sulla percezione che un popolo ha di un determinato sistema politico? In che modo il regime fascista è riuscito a utilizzare e molto spesso manipolare tali mezzi? Può una sanguinosa dittatura nascondere tutti i suoi misfatti attraverso varie iniziative di facciata e mediante una sofisticata macchina propagandistica e di censura? E soprattutto, com‟è potuto sopravvivere così a lungo questo castello di sabbia? Questi sono alcuni degli interrogativi che mi hanno spinto a intraprendere un lavoro di tesi sul fascismo e in particolare sulla propaganda fascista. Attraverso un‟accurata ricerca ho voluto realizzare un‟ampia panoramica sulle caratteristiche ideologiche, burocratiche e tecniche della composita macchina propagandistica fascista, che si avvaleva, per i suoi fini, di tutti i mezzi allora a disposizione (stampa, cinema, radio, organizzazioni di massa, ma anche arte, sport, fumetti). Per tutta la prima metà del XX secolo la propaganda fu utilizzata per guidare le menti delle persone e influenzare totalmente il comportamento della gente comune. Tutto questo fu reso possibile anche grazie al continuo progresso nella tecnologia delle comunicazioni, a iniziare dalla stampa, che cessò di essere un mezzo elitario e iniziò a diffondersi a strati più ampi della popolazione. Successivamente, con la nascita dell‟EIAR e dell‟istituto LUCE, le comunicazioni di massa aggiunsero allo scritto anche il sonoro e

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Salvador Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8912 click dal 12/11/2010.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.