Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le operazioni di credito: un'applicazione delle rendite finanziarie

Ho condotto il mio studio sulle operazioni di credito esistenti valutandole sotto il profilo matematico-finanziario.
Ho cominciato il mio lavoro introducendo e concetti chiave della matematica finanziaria e quindi le definizioni elementari di calcolo finanziario,di operazione,di capitalizzazione.Le variabili principali oggetto di studio sono : C il capitale investito o in prestito,bI il tasso di inetresse applicato e T l'arco temporale di riferimento in cui viene compiuta l'operazione,dimensione temporale che comporta problemi di incertezza e di calcolo del differimento temporale che subiscono sia il capitale che i tassi applicati.
Nel secondo capitolo ho approfondito una particola tipologia di operazione finanziaria: le rendite.
Operazioni caratterizzate a loro volta da altre variabili che influiscono sulla valutazione delle stesse e sono : l'ammontare della rata da pagare, il numero delle rate che compongono la rendita e le scadenze temporali delle rate.
Questo tipo di operazioni sono caratterizzate dal concetto di equità temporale e possono essere analizzate sotto il loro aspetto dinamico attraverso lo studio delle diverse tipologie di piano di ammortamento.
Nel terzo capitolo ho approfondito il concetto di operazioni di credito al consumo,dei tassi di interessi applicabili e quindi dei costi,anche sotto il profiloguiridico.
Nel quarto capitolo ho fatto lo stesso tipo di analisi di un'altro tipo di operazione di credito molto diffusa : il mutuo.
Nel quinto capitolo elieminando alcune delle ipotesi di studio introdotte sin dall'inizio ho analizzato una terzaa operazione di credito : lo scoperto in conto corrente.
Ho analizzato matematicamente questo tipo di operazione di credito bancario molto utilizzata e in particolare adoperando il criterio del T.I.R. di un'operazione finanziaria equa e anche gli indici temporali utilizzati dagli analisti ho dimostrato che questo tipo di operazione è molto più costosa e incerta rispetto ad un'operazione di credito al consumo caratterizzata da certezza della rata e durata dell'operazione.
Per compiere questo tipo di studi ho anche utilizzato il concetto di duration,indice temporale più attendibile e largamente utilizzato;per compiere queste valutazione ho utilizzato anche grafici di immediato impatto.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il seguente lavoro rappresenta la giusta conclusione di un ciclo di studi iniziato tempo fa quando grazie alla passione, alla professionalità ed alta capacità di coinvolgimento del professore Mauro Bisceglia ho scoperto un grande interesse per lo studio della matematica finanziaria. Inizialmente ero impaurita da questo nuovo esame da sostenere,temevo di incontrare grandi difficoltà e che trattasse argomenti ostici e noiosi ma già dalle prime lezioni questa paura è stata sostituita da curiosità ed interesse,finalmente avevo trovato una materia “pratica” nel mio lungo percorso di studi e ne sono rimasta così coinvolta da decidere di scrivere la tesi in questa materia. Inoltre gli argomenti trattati sono molto importanti nella realtà economica che ci circonda e di grande attualità soprattutto considerando il verificarsi della crisi dei mutui americani che ha influenzato e influenza ancora oggi la nostra economia e la bassa propensione al risparmio che costringe le famiglie italiane soprattutto negli ultimi anni a ricorrere ad operazioni di credito al consumo per acquistare qualsiasi bene anche di valore modico. Mi sono sempre più appassionata a questa materia anche in considerazioni del problema legato l’anno scorso alla valutazione dei mutui,alle variazioni dei tassi,argomenti all’ordine del giorno sui mass media e capire cosa stava succedendo è stato molto semplice, ma addentriamoci nell’illustrare il lavoro svolto. Nel primo capitolo ho ritenuto opportuno illustrare le nozioni fondamentali della matematica finanziaria che rappresentano la base per poter comprendere e fare propri i concetti fondamentali di questa materia. Possiamo considerare il primo capitolo e parte del secondo i fondamenti della matematica finanziaria “classica” in cui ho enunciato le definizioni elementari di calcolo finanziario,operazione finanziaria e i principali regimi finanziari utilizzati nel mercato . Un ruolo fondamentale in questa materia è svolto da tre variabili che influenzano le grandezze monetarie,le valutazioni degli economisti e le tipologie di operazioni da compiere in campo finanziario per compiere sia finanziamenti che investimenti, mi riferisco alla variabile Ccapitali,i interesse e t tempo. L’esigenza della matematica per i calcoli finanziari non si riduce a semplice aritmetica ma nasce nel momento in cui un operatore a qualunque livello, professionale o meno, si trova a dover t fare i conti con la dimensione tempo,deve saper affrontare quindi il problema dell’incertezza e del differimento temporale che subiscono i capitali e i tassi di interesse,le operazioni capitalizzazione che studiano le dinamiche di queste realtà a questo proposito sempre in questo

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Loriana Cosmai Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5083 click dal 11/11/2010.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.