Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi dell'espressione immunoistochimica del CXCR4 nei pazienti affetti da carcinoma epatocellulare trattati con ADI-PEG20

Dai numerosi studi effettuati in passato su differenti classi di neoplasie si è spesso riscontrato un pattern di espressione del CXCR4 rilevante a livello citoplasmatico, incitando gli autori a sostenere l’ipotesi di una correlazione diretta tra la funzione biologica dell’asse SDF-1/CXCR4 e lo spreading delle cellule tumorali.

Quetsa tesi è un'analisi del profilo di espressione e di localizzazione di CXCR4 nei pazienti affetti da epatocarcinoma, trattati con il farmaco innovativo ADI-PEG20.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1- Introduzione 1 – HCC (hepatocellular carcinoma) . Carcinoma epatocellulare, tumore maligno primitivo con origine nel fegato. 1.1 Epidemiologia dell’ HCC. Il Carcinoma Epatocellulare costituisce nel mondo la 7° neoplasia nel sesso maschile e la 9° in quello femminile, con incidenza annua mondiale stimata intorno a 500.000-1.000.000 casi, con ampia variabilità in base all’area geografica; è presente con elevata frequenza in alcune aree africane (Mozambico 103 casi/100.000 abitanti/anno) e nel Sud-Est asiatico (Cina, Giappone, Taiwan), ed è relativamente raro in Europa e NordAmerica. Negli ultimi decenni si è tuttavia registrato un incremento nella frequenza , al punto da rappresentare fino al 6% di tutti i tumori solidi negli USA e in Europa, e fino al 40% in Africa e Sud-Est asiatico. Il sesso maschile è più frequentemente colpito (4:1), con picchi di incidenza massima in Occidente nella 3°-4° decade. In Occidente e in Giappone l’ HCC si associa per il 70-80% dei casi a cirrosi epatica, soprattutto post-epatitica, meno frequentemente alcolica. L’ Italia è un paese ad incidenza intermedia (7.5/100.000 nei maschi e 2.4/100.000 nelle femmine), che diventa elevata in aree come il Veneto, dove, per l’elevata esposizione ai fattori di rischio per epatopatia (abuso alcolico e infezioni virali), i tassi raggiungono valori di 30.2/100.000/anno per i maschi e 12.4/100.000/anno per le femmine (dal Registro dei Tumori ). 1.2 Fattori di rischio di HCC . A) HBV (epatite B). Nel Sud-Est asiatico associata ad HCC in oltre l’80% dei casi; in Africa meridionale e nel Sud-Est asiatico, dove la trasmissione perinatale dell’epatite è la modalità più frequente di infezione, il tumore si manifesta in età relativamente giovane con picchi maggiori nella terza-quarta decade di vita; nell’emisfero occidentale (in cui il virus è - 2 -

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Biotecnologiche

Autore: Brunella Ionta Contatta »

Composta da 27 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 781 click dal 16/11/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.