Skip to content

Pietro Cavallini tra Roma e Napoli

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Pezzullo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Vinni Lucherini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

Scopo del presente lavoro è fornire una nuova introspezione volta a rilanciare l’esistenza di un legame diretto tra la pittura cavalliniana e quella di Roma antica, che peraltro poco ha da spartire con la lezione di Giotto, contemporaneo di Pietro Cavallini. In questo modo si è cercato di rischiarare la straordinaria riconoscibilità e qualità dell’autografia del maestro romano, permettendo di tracciare un quadro il più possibile omogeneo della figura dell’artista.
Lo studio parte dallo studio delle fonti documentarie, le quali, in un panorama storiografico così esile, rivestono un ruolo chiarificatore su alcuni punti biografici e artistici che hanno caratterizzato l’attività di Cavallini
Il secondo capitolo concerne un breve excursus sulla storiografia cavalliniana, imperniata sui principali capitoli artistici del genio del maestro: il cantiere di San Paolo fuori le Mura, gli apporti in Santa Maria e Santa Cecilia in Trastevere, l’abside di San Giorgio in Velabro, le testimonianze in Santa Maria in Aracoeli, ed infine le evidenze realizzate durante il periodo “napoletano” sotto la reggenza angioina.
L’ultimo capitolo da spazio a due brillanti interpretazioni espresse da Serena Romano e Bruno Zanardi rispettivamente sul cantiere di San Paolo fuori le mura, momento cruciale per conoscere l’atteggiamento di Cavallini nei confronti dell’arte antica, ed sul confronto stilistico tra il Giudizio Universale di Santa Cecilia in Trastevere e le storie di S. Francesco ad Assisi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I Il “fantasma” storiografico di Pietro Cavallini 1,1. L’atto di compravendita del 1273 e i documenti napoletani del 1308 Il primo documento collegato dagli studiosi al pittore Pietro Cavallini è un atto di compravendita del 2 ottobre 1273, ora nell‟archivio di Santa Maria Maggiore, in cui figura come testimone garante un “Petrus dictus Caballinus 1 de Cerronibus”, insieme a “Bartholomaeus Iohannis Cerronis”, probabilmente membro della stessa famiglia. Dal documento si deduce che Pietro, nato non oltre la metà del XIII secolo (per testimoniare bisognava avere l‟età legale), apparteneva alla famiglia romana dei Cerroni, che aveva le sue case nel rione Monti, e che Cavallino era un soprannome. Si tratta di una menzione piuttosto generica dove non compare alcun riferimento alla sua attività di artista per l‟assenza di appellativi quali “pictor” o “magister”. L„identificazione della persona ricordata nel documento appena citato con il pittore non appare sicura nemmeno dinanzi ad un‟altra testimonianza, da porre solo tra il 1330 e il 1360, tramandataci in una nota marginale alla c. 81 r del manoscritto Vat. Lat. 1927 della Biblioteca Apostolica Vaticana, dove si legge: “Huic commemoro Petrum de Cerronibus qui centum annorum numero vitam egit; qui nullo umquam frigore caput vestimento cooperuit, qui 2 fuit et pater meus idest mei Iohannis Cavallini domini pape scriptoris”. Si tratta di un brano certamente non rilevante ai fini della nostra ricerca, nel quale Giovanni Cavallini “scriptor papae” ricorda come il padre visse cento anni e fu di notevole fisico e non portava mai un copricapo qualunque fosse 1 Il documento è stato pubblicato da G. FERRI, 1907, pp. 127-128. Il passo riferito è successivo al protocollo di rito e alla descrizione dei terreni oggetto della compravendita. 2 Il documento è stato pubblicato da R. SABBADINI, 1914, p. 47; cfr. A. TOMEI, 2000, p. 12. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cappella brancaccio
cappella sant'aspreno
pietro cavallini
san domenico maggiore
san giorgio in velabro
san paolo fuori le mura
santa cecilia in trastevere
santa maria donnaregina vecchia
santa maria in aracoeli
santa maria in trastevere

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi