Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La prassi parlamentare

Abbiamo già parlato del diritto parlamentare come una sorta di “diritto mobile”, cioè in grado di piegarsi secondo la necessità dell’Assemblea, occorre comunque partire dai regolamenti parlamentari nel nostro studio, perché costituiscono una fonte tipica del diritto Parlamentare.
Inoltre, i regolamenti parlamentari non né costituiscono l’unica fonte, è importante sottolineare che questi regolamenti contengono norme autonome, e non eteronome: tali norme non sono imposte da un’autorità esterna, ma sono prodotte degli stessi soggetti che costituiscono i più immediati e diretti, se non unici destinatari delle norme stesse.
Quindi in giurista non deve limitarsi all’esegesi dei testi normativi, ma deve estendere lo studio all’applicazione concreta che le norme ricevono, (o non ricevono) nella realtà effettuale. Questo concetto porta a sottolineare l’importanza che nel diritto pubblico, e soprattutto nel diritto parlamentare, riveste la prassi.
La maggior parte degli autori italiani ritiene che per studiare gli istituti giuridici sia necessario rifarsi alle fonti normative, alla dottrina e la giurisprudenza (intesa come complesso delle decisioni emanate dagli organi giurisdizionali); generalmente trascurato, o misconosciuto, è invece il ruolo della prassi, la quale si rivela per contro uno strumento assai utile, per non dire indispensabile, per qualsiasi indagine di diritto pubblico.
L’esame della prassi, infatti, non serve soltanto a dare un contenuto storicamente determinato ai testi normativi, ma permette anche di scoprire quali questioni, un tempo assai dibattute, abbiano perduto attualità, se problemi vecchi si presentino sotto nuove forme, e se nuovi problemi siano offerti all’elaborazione della dottrina.
Né si potrebbe fondatamente sostenere che l’esame della prassi sia di scarsa utilità nello studio degli ordinamenti a costituzione rigida, anche negli ordinamenti contemporanei, nei quali la dominante tendenza alla razionalizzazione del potere ha molto esteso, rispetto al passato, la disciplina rigida e minuziosa della norma scritta, i rapporti fra i supremi organi dello Stato rimangono, almeno in parte affidati alle norme di correttezza, alla prassi e alle intese più o meno tacite fra gli organi stessi (convenzioni), le quali, nel rispetto dei principi fondamentali dell’ordinamento, consentono ai titolari degli organi costituzionali di dare ai precetti normativi elastici quel contenuto che appaia più di volta in volta più corrispondente alle mutevoli esigenze della realtà. Pertanto, il giurista che si limitasse a studiare i testi normativi ignorando la prassi , le convenzioni e le consuetudini eventualmente formatesi, avrebbe una visione astratta e parziale, per non dire inesatta e forviante, del diritto vivente in un data paese .
Un ulteriore punto su cui ci dovremmo soffermare nel nostro studio è rappresentato: dalla coercibilità giuridica delle norme relative all’organizzazione ed al funzionamento delle camere, infatti, essa non può assumere le stesse forme e la stessa automaticità che caratterizzano ad esempio il diritto penale, molto spesso, si apre la strada alla soluzione politica o concordataria dei membri stessi, in base al principio del “nemine contraddicente” gia visto.
Le prassi saranno esaminate, secondo lo scopo dell’Organo Assembleare:
1. D’organizzazione dell’aula;
2. Nella funzione legislativa;
E a secondo dei soggetti necessari per il loro realizzo;
3.Le cosiddette prassi di cooperazione che divideremmo con quelle che sono in grado di:
a) Influire direttamente sul Parlamento;
b) Non influire sul Parlamento, pur essendo provocate con la sua partecipazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Formano oggetto d‟analisi in questo mio studio alcune attività di difficile classificazione logico-sistematica, per connotare le quali vengono adoperate, talora nella letteratura giuspubblicistica, espressioni piuttosto generiche e poco precise, come appunto un termine generalissimo qual è “la prassi”, si parla quasi d‟attività paralegislative o metagiuridiche, per evidenziarne la loro vicinanza con le “altre regole del nostro Parlamento”. Tradizionalmente, queste attività si collocano in un‟area d‟ausiliarietà rispetto alle leggi ed in particolare al Regolamento di ciascuna Camera, che però combinandosi con le altre regole (soprattutto quelle politiche), riescono talvolta a superare la lettera del Regolamento producendo così due effetti: Il primo praeter Regolamento, la prassi è nel senso di un‟interpretazione estensiva di quest‟ultimo; Il secondo invece è contra Regolamento, nel senso che questo viene violato dalla prassi in uso. E‟ apparso opportuno dividere il lavoro in quattro parti, nella prima vengono esaminate le varie teorie, e si è pure, provveduto a costruire una partizione della prassi, distinguendo quella parlamentare da tutte le altre tentando di identificarne i caratteri peculiari. Nel secondo capitolo si sono affrontate le convenzioni o consuetudini costituzionali, che in qualche modo direttamente o indirettamente ricadono sull‟Assemblea elettiva, chiamandole: “Prassi di Cooperazione” in modo tale da poterle esaminare nell‟ambito parlamentare. Nei rimanenti due capitoli si entra in Aula e si affronta la prassi sull‟organizzazione interna del Parlamento nei suoi due rami, ed in particolare nell‟ultimo capitolo si è voluto affrontare la prassi che riguarda il procedimento legislativo, in quanto forse è questo il suo momento di maggior forza, poiché molto spesso riesce a piegare non solo il Regolamento delle due Camere, ma la stessa Costituzione. Ho infine cercato di non appesantire troppo la trattazione, rinviando alle note i riferimenti alle sedute e agli atti parlamentari. G.Z. 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giuseppe Zara Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2265 click dal 17/11/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.