Skip to content

La sindrome del burnout negli operatori dei servizi agli anziani

Informazioni tesi

  Autore: Annalaura Besenghi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Marcello Nonnis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

La progressiva rapida crescita del numero di anziani nel nostro Paese (circa un italiano su cinque), in linea con quanto accade in tutta Europa, impone una generale riconsiderazione delle politiche e dei servizi dedicati espressamente a questa fascia di cittadini, diventando un problema centrale nel sistema welfare europeo e italiano.
Alla luce di questi dati diventa fondamentale garantire agli anziani, autosufficienti e non, un servizio assistenziale di qualità, realizzabile innanzitutto disponendo di operatori del settore che siano formati e inseriti all’interno di organizzazioni che li proteggano dalla sindrome del burnout.
Sul fenomeno burnout si è ampiamente studiato, ma nonostante vi siano numerose ricerche sul burnout nelle helping professions, ad oggi non esiste un’ampia letteratura sulla sindrome tra gli operatori dei servizi agli anziani, il cui lavoro li pone di fronte a peculiari problematiche.
In ambito geriatrico, infatti, l’operatore mette in gioco sentimenti profondi connessi al senso e al valore della persona e della vita. Nella sua opera quotidiana entrano in gioco l’intensità emozionale, la sfida e il mettersi alla prova nell’interazione con gli anziani, persone che pur soffrendo sono testimoni preziosi di valori quali la dignità e il significato della propria vita.
Questi aspetti fanno si che lo stress lavorativo e il burnout rappresentino dei potenziali rischi per l’operatore geriatrico, che, inevitabilmente, si riflettono sulla qualità del servizio prestato e, quindi, sull’anziano, specialmente se non autosufficiente e con disturbi psichici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Tra il 2007 e il 2008 ho avuto l’opportunità di svolgere un anno di Servizio Civile Volontario nazionale presso la cooperativa sociale F.A.I. Sarda, il cui acronimo indica l’utenza a cui sono rivolti i suoi servizi: famiglia, anziani e infanzia. Per una scelta condivisa da me e dalla cooperativa, ho operato quasi completamente all’interno della casa di riposo “Vittorio Emanuele II”, servizio residenziale offerto agli anziani residenti nel Comune di Cagliari. Durante questa esperienza ho avuto modo di conoscere le diverse realtà degli anziani e l’importanza dei servizi erogati dalla struttura. Ho avuto modo, inoltre, di confrontarmi con una struttura organizzativa complessa, di comprendere le dinamiche di ruolo all’interno di un sistema di gestione così articolato, di osservare negli operatori e di sperimentare in prima persona le dinamiche relazionali interne allo staff e tra staff e utenti, e di chiedermi se i conflitti, gli atteggiamenti e i comportamenti degli operatori presenti potessero essere ricondotti ad un disagio lavorativo o persino alla sindrome di burnout. Da qui è nata l’esigenza di esplorare l’argomento “disagio lavorativo”, con particolare riferimento alla sindrome del burnout e capire, attraverso una approfondimento bibliografico, se fosse possibile l’insorgere di tale sindrome anche negli operatori dei servizi agli anziani, mettendo in luce eventuali differenze in termini di incidenza, cause, sintomi e conseguenze, rispetto a quanto è stato rilevato in altri operatori delle helping professions. Il termine burnout, traducibile in italiano con “bruciato”, “esaurito”, “scoppiato”, è stato variamente definito, ma tutti gli autori indicano che esso esprime metaforicamente il bruciarsi dell’operatore, l’esaurimento delle proprie risorse e il suo cedimento psicofisico nel tentativo di adattamento alle difficoltà dell’attività professionale. La sindrome del burnout è un fenomeno multidimensionale, che rappresenta l’epilogo di complesse vicende personali e lavorative, il cui sviluppo è di tipo evolutivo e transazionale, nonchØ reversibile, e si manifesta con sintomi sia psicologici che somatici. Alla base della sindrome del burnout vi sono gli stessi meccanismi che danno luogo allo stress lavorativo ma, nonostante ciò, i due concetti non coincidono. Il burnout, infatti, è il risultato di un’inadeguata risposta di adattamento allo stress lavorativo e rappresenta, pertanto, un possibile esito di quest’ultimo. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

burnout
burnout e servizi agli anziani
burnout negli operatori dei servizi agli anziani
burnout negli operatori geriatrici
burnout nelle case di riposo
burnout nelle rsa
dallo stress lavorativo al burnout
disagio lavorativo
disagio lavorativo nelle case di riposo
disagio lavorativo nelle rsa
invecchiamento della popolazione
la sindrome del burnout in geriatria
operatori dei servizi agli anziani
operatori dei servizi agli anziani e burnout
operatori geriatrici
servizi agli anziani
sindrome di burnout operatori geriatrici
stress lavorativo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi