Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti geografici dell'agrumicoltura in Italia

Agricoltura, economia agraria, arance, dati istat agrumicoltura, agrumicoltura in sicilia

Mostra/Nascondi contenuto.
PRESENTAZIONE L’obiettivo di questa tesi è quello di descrivere l’attuale situazione del comparto agrumicolo italiano che, nel corso degli ultimi anni, ha subito un evidente ridimensionamento sia in termini di superficie produttiva che nel commercio (interno/internazionale), a vantaggio di altri paesi Europei, quali la Spagna, in grado di adattare la produzione offerta ai cambiamenti imposti dalla domanda e dai processi di globalizzazione del mercato. L’agrumicoltura riveste un ruolo importante all’interno del settore agricolo, sopratutto per le regioni del Mezzogiorno d’Italia, dove le particolari condizioni pedoclimatiche consentono di ottenere una produzione di qualità elevata (con la presenza di numerosi prodotti delle diverse varietà a marchio IGP/DOP), distinguendosi dagli altri prodotti europei. Negli ultimi anni, alle difficoltà dell’agrumicoltura occorre aggiungere il calo della domanda generato dall’attuale crisi economica mondiale, che non favorisce la ripresa delle esportazioni degli agrumi italiani. Inoltre, le aspettative di ripresa sono state fortemente ridimensionate a seguito delle gelate verificatesi in Italia nel corso del 2008, con una conseguente riduzione dei livelli produttivi, in particolare per le arance rosse di Sicilia. Per la campagna 2009-2010 si prevede una ripresa della produzione, anche se ancora non si attenua il gap di competitività delle imprese nazionali rispetto alla concorrenza estera.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Martino Pannitteri Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 751 click dal 15/11/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.