Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La depressione post-partum

La tesi tratta il disturbo di depressione post-partum ed è composta da tre capitoli.
Nel primo capitolo viene trattato tale disturbo da un punto di vista psicologico mettendo in evidenza il peso dei cambiamenti che avvengono nella vita di una donna con il parto e ciò che ne può seguire nel caso in cui tali problematiche non siano adeguatamente superate.
Si evidenziano le differenze tra psicosi post-partum, baby blues e depresione post partum.
Viene inoltre affronatato il problema dell'infanticidio che è una possibile conseguenza della depressione post-partum non riconosciuta e curata, con una particolare attenzione per la categorizzazione delle madri assassine in: violente,omissive e vendicative ponendo un accento sulle loro caratteristiche.Sulla base di questa categorizzazione viene riportato un caso di attualità di infanticidio avvenuto a Rosciano (CH).
Nel secondo capitolo vengono riportati studi recenti effettuati per stabilire relazioni tra l'attività neurobiologica e la depressione post-partum.
Attenzione particolare viene data agli estrogeni(estradiolo,estriolo ed estrone) e al progestrone, la cui concentrazione subisce un calo successivamente al parto, portando quindi ad uno scompenso umorale che pare contribuisca nell'insorgenza della depressione post-partum.Particolare attenzione è stata data alla funzione dei neurosteroidi ad esempio l'allopregnanolone che agisce come modulatore del rilascio della dopamina in risposta ai mutamenti degli steroidi nell’ovario, la qual cosa potrebbe influenzare la neurochimica, portando a disturbi dell’umore.
Viene trattato il ruolo dell'ossitocina , della prolattina, testosterone e l'asse ipotalamo-pituitaria-surrene, acidi grassi e colesterolo,nel disturbo.
Vengono inoltre citate nuove tecniche di ricerca attraverso tecniche di neuroimmagine effettuate su donne affette da depressione post-partum.
Nel terzo capitolo vi sono i trattamenti da utilizzare in una sintomatologia di depressione post-partum, psicoterapia e terapia farmacologica con antidepressivi , in casi gravi con antipsicotici e la terapia con il progesterone che viene usata dal 1966.
Vi sono poi conclusioni inerenti alla prevenzione e considerazioni a tale proposito

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I:INTRODUZIONE Nell'ultimo decennio l'attenzione di medici e psichiatri si è sempre più rivolta,talvolta spinta da fatti di cronaca, verso lo studio e l'analisi d'insieme di sintomi psicosomatici e psicologici definiti come “depressione post-partum” . La comunità scientifica risulta tuttora divisa: alcuni la considerano come un vero e proprio disturbo psichiatrico che va dalla “baby blues” alla depressione post partum vera e propria, altri considerano questi sintomi solo come “campanelli d'allarme” di un ipersensibilità allo stress che proviene dalla gravidanza e dal parto La maternità rappresenta per ogni donna un periodo estremamente delicato, in quanto esso è caratterizzato da mutamenti fisici e psichici continui. Il corpo sia al suo interno che all'esterno cambia radicalmente e continuamente, inoltre ogni giorno che passa iniziano ad affiorare sempre più le enormi responsabilità che porta un figlio. Effettivamente quando nasce un bambino nasce anche una madre. In questa fase , dunque, una donna ha bisogno dell'appoggio dei familiari e del partner affinchè non si ritrovi completamente sola ad affrontare tutti i radicali cambiamenti che l'aspettano. Molto spesso però questo accudimento non avviene, e donne in gravidanza si ritrovano completamente sole ad affrontare tutto, maggiormente oggigiorno in cui un bambino non è per forza il frutto di un matrimonio o di una convivenza e dunque sovente vi sono “nuove madri” sole. Anche da una punto di vista lavorativo, in una società che non ha più certezze su questo, si può immaginare la posizione 3

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Giorgia Di Mezza Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11448 click dal 12/11/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.