Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Elementi ariosteschi nella trilogia araldica di Italo Calvino

La tesi analizza l'influenza dell'opera di Ariosto, con particolar riguardo per l'Orlando furioso, sui tre racconti che costituiscono la trilogia araldica di Italo Calvino ovvero - Il visconte dimezzato - Il barone rampante - Il cavaliere inesistente.

Mostra/Nascondi contenuto.
2INTRODUZIONE Italo Calvino tra gli scrittori del Novecento è quello che forse più di tutti ha dato libero sfogo alla sua considerevole e vivace vena fantastica integrandola con una sapienza stilistica e con la sua indubbia bravura nell’approcciarsi con tutti gli stili; proprio in forza a questa sua formidabile abilità di spaziare con estrema facilità da un genere a un altro, egli rappresenta un autore che non si presta a sbrigative etichette o generalizzazioni critiche. Quando si parla di Calvino, non si può inoltre fare a meno di menzionare quasi in fecondo contrasto, la specificità della sua scrittura, una scrittura cristallina tendente alla massima precisione. Questo modo di scrivere rifletteva sicuramente il mondo all’interno del quale Calvino era cresciuto, una famiglia di scienziati in cui il razionalismo era alla base di tutte le aspirazioni culturali mirate a scoprire i segreti del mondo e cercare di spiegarli in modo esatto. Attenzione del reale e fervido desiderio di descriverlo: in queste poche parole si potrebbe sintetizzare quella che per Calvino fu un’autentica ispirazione che lo spinse ad accostarsi alla letteratura in una lunga attività che lo vide sempre operoso dall’immediato dopoguerra fino alla morte avvenuta nel 1985. Calvino inizia la sua carriera di scrittore all’indomani della seconda guerra mondiale, nel 1947; intraprendere questo tipo di percorso negli anni del dopoguerra significava, inevitabilmente, confrontarsi con la componente neorealista, alla quale, inizialmente Calvino aderì ma pian piano nacque in lui l’esigenza di cambiare direzione poiché si rese conto che la sua esperienza soggettiva era parziale e non poteva rappresentare la dimensione universale del reale.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere

Autore: Alfio Maria Edoardo Di Paola Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2895 click dal 10/11/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.