Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di internazionalizzazione delle imprese del settore automobilistico. L'approccio resource-based

Il mercato automobilistico, per le sue caratteristiche, tra cui l’eterogeneità dei clienti, l’elevatissima concorrenza e il crescente numero di potenziali entranti, è, attualmente, uno dei mercati più competitivi.
Una delle scelte strategiche adottata dalle imprese operanti in questo settore, per raggiungere una posizione di vantaggio rispetto ai tanti competitor presenti sul mercato, è stata l’internazionalizzazione.
La prima parte dell’elaborato è stata dedicata, proprio per tale motivo, alla descrizione di alcune tra le teorie dell’International business, utili ad analizzare tale fenomeno, in relazione ai processi attuati dalle aziende automobilistiche.
Ovviamente non si può ricondurre, a tutte le imprese, lo stesso processo di internazionalizzazione, infatti, quest’ultimo cambia a seconda delle diverse motivazioni che hanno spinto le aziende a questa scelta, e, a seconda degli obbiettivi che intendono perseguire. In relazione a ciò, anche, la scelta dell’area geografica di destinazione e i comportamenti adottati, variano da impresa ad impresa.
Nell’ottica delineata sono stati proposti due gruppi, ognuno composto da due casi, di fenomeni di internazionalizzazione di imprese operanti nel settore automobilistico, che hanno seguito diversi processi di internazionalizzazione, al fine di perseguire distinti obbiettivi aziendali.
Il primo gruppo presenta l’acquisizione da parte della Renault della casa rumena Dacia, e la creazione della joint venture con l’impresa statale serba, Zastava, ad opera di Fiat. Questi, come si nota, sono due esempi di internazionalizzazione verso paesi dell’Europa dell’Est.
Differentemente, il secondo gruppo, caratterizzato dalla delocalizzazione produttiva attuata dalla casa automobilistica nipponica Nissan in India e Thailandia e dalla costituzione di due joint venture in Cina da parte dell’impresa tedesca Volkswagen, ha come aree di destinazione due paesi emergenti del continente Asiatico.
La scelta dell’area di destinazione, è stata effettuata dalle imprese in relazione a determinati fattori country specific ritenuti coerenti con gli obbiettivi prefissati.
Individuare e studiare le diverse ragioni e i diversi obbiettivi alla base della scelta dell’area e dei processi di internazionalizzazione analizzati, è stato lo scopo di gran parte di questo elaborato.
Infine, l’attenzione è stata spostata su una rilettura critica dei casi trattati, nell’ottica delle teorie tradizionali, le quali hanno, però, evidenziato diversi limiti, avvalorando, così, l’utilizzo della prospettiva resource-based.
Proprio nell’applicazione del modello resource-based ai casi di studio, è emersa la sostanziale differenza strategica tra i due gruppi di processi di internazionalizzazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il mercato automobilistico, per le sue caratteristiche, tra cui l‟eterogeneità dei clienti, l‟elevatissima concorrenza e il crescente numero di potenziali entranti, è, attualmente, uno dei mercati più competitivi. Una delle scelte strategiche adottata dalle imprese operanti in questo settore, per raggiungere una posizione di vantaggio rispetto ai tanti competitor presenti sul mercato, è stata l‟internazionalizzazione. La prima parte dell‟elaborato è stata dedicata, proprio per tale motivo, alla descrizione di alcune tra le teorie dell‟International business, utili ad analizzare tale fenomeno, in relazione ai processi attuati dalle aziende automobilistiche. Ovviamente non si può ricondurre, a tutte le imprese, lo stesso processo di internazionalizzazione, infatti, quest‟ultimo cambia a seconda delle diverse motivazioni che hanno spinto le aziende a questa scelta, e, a seconda degli obbiettivi che intendono perseguire. In relazione a ciò, anche, la scelta dell‟area geografica di destinazione e i comportamenti adottati, variano da impresa ad impresa. Nell‟ottica delineata sono stati proposti due gruppi, ognuno composto da due casi, di fenomeni di internazionalizzazione di imprese operanti nel settore automobilistico, che hanno seguito diversi processi di internazionalizzazione, al fine di perseguire distinti obbiettivi aziendali.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Alessandra Sorrentini Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4256 click dal 17/11/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.