Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Emancipazione della donna nella zona rurale del Brasile attraverso un progetto di Cooperazione Internazionale

Le riflessioni contenute nei capitoli che seguono nascono da un’esperienza di ricerca in Brasile per studiare la situazione della donna che vive nella zona rurale di Teresina e, in particolare, come l’introduzione del progetto di cooperazione allo sviluppo “Orticultura idroponica e microcredito per la sicurezza alimentare in alcuni distretti della città di Teresina (Stato del Piauì)" potesse produrre degli effetti positivi sulla vita delle donne che ne sono il principale soggetto.
Quest’ analisi sul campo si presta ad essere un ottimo esempio di fallimento di un progetto di cooperazione e dei suoi principali obiettivi. Tuttavia risulta significativo come invece tale progetto abbia innescato uno scambio di capitale relazionale tra i diversi soggetti (comunicazione, empatia,…) e come, attraverso la teoria del dono e della reciprocità, siano venute a crearsi le condizioni ideali per porre le basi del processo di “empowerment”.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Le riflessioni contenute nei capitoli che seguono nascono da un‟esperienza di ricerca in Brasile per studiare la situazione della donna che vive nella zona rurale di Teresina e, in particolare, come l‟introduzione del progetto di cooperazione allo sviluppo “ORTICOLTURA IDROPONICA E MICROCREDITO PER LA SICUREZZA ALIMENTARE IN ALCUNI DISTRETTI DELLA CITTÀ DI TERESINA (STATO DEL PIAUÌ)” potesse produrre degli effetti positivi sulla vita delle donne che ne sono il principale soggetto. Quando partii per cominciare la ricerca nel villaggio di Soinho ero assillata da un pensiero costante: e se non trovo niente? Questo dubbio è rimasto sulla strada di accesso al villaggio e si è sciolto nell‟incontro con 1 il “Clube de mães”. Dopo un primo periodo di diffidenza queste donne mi accolsero come una componente del gruppo e mi hanno permesso di comprendere fino in fondo la complessità della situazione. Seguivo ogni fase del loro lavoro, partecipando in prima persona alle diverse attività e, in men che non si dica, mi sono sentita accettata come una di “loro”. Ed è stato proprio il vivere insieme a queste meravigliose donne, creando dei rapporti di amicizia e di complicità che mi ha fatto cogliere il “senso dell‟orto”. I miei tre mesi di permanenza, dall‟ottobre al dicembre 2007, hanno coinciso con la fine del progetto. Ciò mi ha permesso di studiare i suoi effetti al termine del ciclo biennale. Le comunità scelte per il progetto si trovano nella regione Socopo, situata nell‟area rurale di Teresina. Teresina è una città collocata al centro-nord del Piauì, con una popolazione di circa 813.992 (2006). Possiede una interessante area rurale, in cui vive il 5,3% circa della popolazione. 1 Traduzione dal brasiliano: “Gruppo di madri" - 1 -

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Carol Furfaro Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 824 click dal 29/11/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.