Skip to content

Calcio e tifo estremo: analisi delle caratteristiche distintive degli ultras

Informazioni tesi

  Autore: Diego Preite
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Comunicazione e società
  Relatore: Paolo Natale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

Il fenomeno ultras si presenta come un tema complesso e di grande attualità affrontato in modo superficiale dai media che ricorrono spesso a stereotipi piuttosto che ad analisi approfondite evidenziandone soltanto gli aspetti negativi. In questo lavoro mi propongo di considerare il mondo degli ultrà da una prospettiva diversa con l’obiettivo di porre in risalto i valori espressi da questo movimento, senza negare gli episodi di violenza negli stadi.
Al fine di approfondire questa tematica, esamino mediante una ricerca qualitativa le ragioni che spingono un gruppo di individui ad aggregarsi quasi tutte le domeniche nelle curve degli stadi italiani di calcio e analizzo i comportamenti, le opinioni, i valori e le relazioni con altri membri della società per cercare di comprendere le peculiarità di questo fenomeno sociale così discusso negli ultimi anni dai media.
Il presente lavoro si articola in tre capitoli. Dopo un breve accenno alla ricerca qualitativa e ai suoi principali strumenti d’indagine quali la ricerca etnografica, le interviste qualitative e i focus group, nel primo capitolo esamino gli aspetti principali che caratterizzano la sottocultura ultrà: la mentalità, i valori e gli ideali presenti nelle curve, il ruolo delle trasferte, le relazioni tra ciò che avviene sugli spalti e la politica e la loro forte opposizione all’attuale “sistema calcio”. Il secondo capitolo è dedicato alla violenza negli stadi, una delle tematiche più discusse dai mezzi di comunicazione, ma anche più complesse da analizzare. In questa parte del lavoro cerco di comprendere le motivazioni che possono spingere un ultras a comportarsi in maniera aggressiva e se tale violenza sia patologica oppure soltanto una ritualizzazione metaforica. In seguito tratteggio quell’intricato reticolo di relazioni che intercorrono tra le varie tifoserie organizzate italiane grazie al quale si possono comprendere sia le rivalità e gli scontri sia i gemellaggi tra gruppi ultrà. Nell’ultimo paragrafo prendo in considerazione il rapporto tra gli ultras e le forze dell’ordine. Nel terzo capitolo evidenzio la forte territorialità che permea la sottocultura ultrà e la sacralità dello spazio che essi definiscono curva. Descrivo inoltre alcuni rituali che vengono celebrati sugli spalti al fine di rafforzare l’appartenenza al gruppo e la sua coesione. Infine mi occupo delle differenze tra l’ultras e il “tifoso generico” e delle relazioni che sussistono tra queste due categorie all’interno dello stadio.
Una parte della ricerca si avvale di una serie di interviste rivolte a giovani appartenenti a curve di due città diverse al fine di evidenziare le eventuali differenze e soprattutto i tratti comuni, che possono essere considerati peculiari della cosiddetta “mentalità ultras”. Il gruppo campione da me esaminato risulta costituito da cinque ultras di età compresa tra i venti e i quaranta anni, di cui tre abitanti a Milano (un tifoso interista, uno milanista e uno juventino) e due a Piacenza (un tifoso piacentino e uno milanista). Sulla base della traccia delle interviste ho cercato di approfondire le tematiche più interessanti, anche in base alle risposte degli intervistati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3    INTRODUZIONE  Il fenomeno ultras si presenta come un tema complesso e di grande attualità affrontato in modo superficiale dai media che ricorrono spesso a stereotipi piuttosto che ad analisi approfondite evidenziandone soltanto gli aspetti negativi. In questo lavoro mi propongo di considerare il mondo degli ultrà da una prospettiva diversa con l’obiettivo di porre in risalto i valori espressi da questo movimento, senza negare gli episodi di violenza negli stadi. Al fine di approfondire questa tematica, esamino mediante una ricerca qualitativa le ragioni che spingono un gruppo di individui ad aggregarsi quasi tutte le domeniche nelle curve degli stadi italiani di calcio e analizzo i comportamenti, le opinioni, i valori e le relazioni con altri membri della società per cercare di comprendere le peculiarità di questo fenomeno sociale così discusso negli ultimi anni dai media. Il presente lavoro si articola in tre capitoli. Dopo un breve accenno alla ricerca qualitativa e ai suoi principali strumenti d’indagine quali la ricerca etnografica, le interviste qualitative e i focus group, nel primo capitolo esamino gli aspetti principali che caratterizzano la sottocultura ultrà: la mentalità, i valori e gli ideali presenti nelle curve, il ruolo delle trasferte, le relazioni tra ciò che avviene sugli spalti e la politica e la loro forte opposizione all’attuale “sistema calcio”. Il secondo capitolo è dedicato alla violenza negli stadi, una delle tematiche più discusse dai mezzi di comunicazione, ma anche più complesse da analizzare. In questa parte del lavoro cerco di comprendere le motivazioni che possono spingere un ultras a comportarsi in maniera aggressiva e se tale violenza sia patologica oppure soltanto una ritualizzazione metaforica. In seguito tratteggio quell’intricato reticolo di relazioni che intercorrono tra le varie tifoserie organizzate italiane grazie al quale si possono comprendere sia le rivalità e gli scontri sia i gemellaggi tra gruppi ultrà. Nell’ultimo paragrafo prendo in considerazione il rapporto tra gli ultras e le forze dell’ordine. Nel terzo capitolo evidenzio la forte territorialità che permea la sottocultura ultrà e la sacralità dello spazio che essi definiscono curva. Descrivo inoltre alcuni rituali che vengono celebrati sugli spalti al fine di rafforzare l’appartenenza al gruppo e la sua coesione. Infine mi occupo delle differenze tra l’ultras e il “tifoso generico” e delle relazioni che sussistono tra queste due categorie all’interno dello stadio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi