Skip to content

La virtù reale della realtà virtuale: il MAV di Ercolano

Informazioni tesi

  Autore: Beatrice Corritore
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Enrico Dal Pozzolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

"La realtà virtuale aggiunge il tatto e alla vista e all’udito, ed è tanto vicino a drogare il sistema nervoso umano come nessuna tecnologia lo sia mai stata. Questa è quindi un potenziale prolungamento tecnologico dell’immaginario individuale e collettivo" .
Partire citando Derrick de Kerckhove nel suo Brainframes, per giungere al Museo Archeologico Virtuale di Ercolano, può sembrare ardito, ma proprio nel suo concetto di realtà virtuale sta l’intuizione che fa nascere questo progetto. Realtà virtuale è dunque realtà simulata, ma non più nella freddezza di un piccolo schermo o nello spazio di un cd-rom; qui è realtà indagata a tutto tondo, riportata con alcuni dei mezzi tecnologici a disposizione oggi, e articolata tanto sapientemente da arrivare quasi a celare l’inganno della simulazione.
Questa struttura è un enorme contenitore, che nasce con dei precisi contenuti, ma che non disdegna l’ipotesi di un’evoluzione continua, attraverso nuove idee, nuovi racconti, nuove finalità: tutto ciò è permesso dalla grande dinamicità dei mezzi tecnologici in esso installati. Ma prima di tutto, il Mav è un museo completamente virtuale, con l’assenza totale di reperti archeologici e didascalie cartacee, che si propone di dare al visitatore un’idea, ma soprattutto un’emozione, dell’antica città, di ciò che esisteva prima del 79 d.C., di quei territori, traboccanti di vitalità, posti alle pendici del Vesuvio, sommersi poi dall’esplosione di quella che si pensava una montagna, e così cristallizzati nel tempo, fino a quando, in anni più recenti, queste città bloccate in un attimo sono state a poco a poco riportate alla luce, grazie agli scavi archeologici. Ercolano dunque, ma anche Pompei, Stabia, Capri e Boscoreale: tutta la zona partenopea ha una storia da raccontare, che grazie all’archeologia è stata ricostruita, e ora, grazie al Mav, viene artificiosamente rivissuta, con un salto indietro nel tempo di quasi duemila anni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. COS’E’ Unull MUSEO VIRTUALE? 1.1. Definizioni antecedenti Il concetto di museo virtuale viene riconsiderato in questi anni, e adattato a nuove forme museali, frutto di avanzate tecnologie. Ma tutt’ora il significato più diffuso che si dà a questo termine è quello di un museo presente nel web o su supporto ottico (cd-rom o dvd), che ricrei nella virtualità un percorso museale che esiste davvero, da qualche parte nel mondo. Questo si pone generalmente come una fitta rete di connessioni: ogni oggetto, ogni reperto, ogni opera d’arte, rappresenta non solo se stesso, ma anche un punto nodale attraverso cui raggiungere molte altre pagine, informazioni, e altri oggetti ad esso collegati. Uno dei grandi vantaggi della virtualità è infatti la non necessità della sintesi: i link e le interconnessioni possono essere moltissime, con una conseguente moltiplicazione della 2 portata informativa di un museo virtuale rispetto ad un museo tradizionale. E’ necessario, nell’ambito di un concetto tanto ampio, cercare una certa categorizzazione: si può dire quindi che esistono dei musei virtuali “tradizionali”, altri che rappresentano l’estensione del museo reale, altri ancora che sussistono autonomamente. Nel primo caso si tratta di una ricostruzione del tutto verosimile a ciò che il museo è nella realtà: un percorso virtuale che possa preparare l’utente a una visita futura, o che semplicemente permetta a chi non possa accedervi nella realtà, di farlo tramite questo mezzo. Quando invece il museo virtuale si considera un’appendice di quello reale, si passa dal piano della fruibilità a quello della conoscenza: l’utente in questo caso non avrà la possibilità di fare un percorso museale, ma potrà integrare le proprie conoscenze con informazioni e nozioni utili alla visita reale. In questi siti si trovano pertanto biografie 2 www.uniurb.it/giornalismo/lavori/uccello/definizi.htm. 5 ~~

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brainframes
derrick de kerckhove
museo archeologico virtuale di ercolano
museo mav
realtà virtuale
realtà virtuali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi