Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mac speak: analisi linguistica del sito in lingua inglese di Apple

Questa tesi parte dall’analisi del brand Apple e dell’immaginario che l'azienda ha costruito nel tempo fino ad un'analisi approfondita del linguaggio utilizzato nella campagna pubblicitaria per la promozione del nuovo sistema operativo Leopard.
L’analisi effettuata propone una riflessione dettagliata delle strategie linguistiche utilizzate sia nella campagna pubblicitaria in lingua inglese sia in quella italiana per promuovere, persuadere e creare nuovi utenti Apple. Il tono colloquiale, informale, e amichevole, i richiami ad un mondo valoriale fondato sulle caratteristiche della originalità e diversità, e la terminologia specifica fortemente legata al mondo Apple che crea esclusività e porta il cliente potenziale a voler appartenere al mondo esclusivo della Apple community, sono le strategie linguistiche su cui tale campagna si fonda.
Viene poi osservato come l’azienda non sempre tenga conto della discrepanza di significato che si verifica tra testo pubblicitario inglese e traduzione italiana, causate da una mancanza parziale di analisi del passaggio culturale che avviene necessariamente con il cambiamento del target di riferimento.
In conclusione, nonostante le strategie linguistiche di Apple risultino efficaci nei testi in lingua inglese, altre volte la traduzione risulta troppo letterale, e la percezione è che non si tenga conto delle differenze culturali che caratterizzano la Apple community e la loro percezione della pubblicità.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La sponsorizzazione di un certo prodotto può contare su vari aspetti della pubblicità. Quello più immediato è sicuramente l’aspetto visuale, caratterizzato da immagini che hanno lo scopo di richiamare l’attenzione e rimanere impresse nella memoria. Esiste però un altro aspetto, altrettanto importante e da non sottovalutare, quello linguistico. Il testo pubblicitario è generalmente composto da un claim e un body copy. Il primo serve a riassumere il senso della pubblicità e ad identificare il prodotto attraverso una sola frase che ne descriva tutte le caratteristiche principali. Tale frase ha come scopo quello di incuriosire il lettore al tal punto da spingerlo a soffermarsi qualche istante in più sulla pubblicità, e nel migliore dei casi, a leggere il body copy. Questo secondo elemento è generalmente composto da una porzione di testo che descrive le caratteristiche del prodotto in modo più specifico ed avvalendosi di una maggiore libertà testuale.Pertanto ogni parola che va a comporre un testo pubblicitario è frutto di un’analisi approfondita e di una scelta ponderata. Nulla si trova casualmente all’interno di un testo pubblicitario. L’importanza di scelte linguistiche rigorose e coerenti con l’oggetto pubblicizzato compare chiaramente anche nel caso in cui vi sia necessità di tradurre un testo pubblicitario da una lingua ad un'altra.In tal caso è necessario che i termini e la forma utilizzati nel testo di arrivo veicolino il medesimo significato del testo di partenza. Ciò non è sempre immediato, poiché non sempre due lingue hanno termini corrispondenti, o con medesimo significato. Gioca inoltre un ruolo molto importante l’aspetto culturale. Non è sempre possibile utilizzare lo stesso tono, o lo stesso approccio in due lingue differenti, proprio perché si ha a che fare con due destinatari differenti, le cui culture di appartenenza possono variare. Tra le aziende che in questo momento hanno saputo sfruttare la pubblicità per creare attorno a sé un vero e proprio mondo valoriale c’è Apple. Nata come azienda di personal computer, rapidamente è riuscita ad acquisire fama mondiale e a creare una vera e propria filosofia di vita, portata avanti nel tempo da una “community” di fedeli adepti. Questo fenomeno è stato reso possibile grazie ad una serie di campagne pubblicitarie mirate e vincenti, che hanno progressivamente conquistato un’ingente porzione del mercato di Microsoft (da sempre leader nel settore), e creato un vero e proprio “Apple world” fatto, non solo di prodotti di tecnologia avanzata, ma anche di valori che accomunano ogni adepto e lo fanno sentire parte di una grande famiglia. Questo studio si propone di analizzare le scelte linguistiche attuate da Apple nella costruzione della campagna pubblicitaria per la promozione di Leopard, l’ultima versione del sistema operativo di MAC OS X. Lo scopo è quello di individuare le strategie linguistiche utilizzate per creare nel potenziale cliente quel senso di curiosità e di necessità di appartenenza alla comunità Apple, e contemporaneamente, portare l’adepto ad una sempre maggiore fidelizzazione. Questo viene creato puntando sugli aspetti di appartenenza ed aggregazione alla “community” e sull’idea di differenziazione ed originalità conferita a colui che utilizza prodotti Apple. Si analizzerà infine le scelte utilizzate da Apple nella traduzione dei testi pubblicitari dalla lingua inglese, con cui vengono pensati e creati, alla lingua italiana, osservando se tali scelte riescono a mantenere gli stessi termini e significati del testo di partenza, ed eventualmente se necessitano di adattamenti. Il primo capitolo ha lo scopo di presentare la storia e la filosofia di Apple, proprio perché non è possibile capire le scelte linguistiche di Apple a prescindere da questi aspetti. In

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della comunicazione e dell'economia

Autore: Valentina Rossetti Contatta »

Composta da 42 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4943 click dal 19/11/2010.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.