Skip to content

Postmodernismo e neoletteratura. Il "morso" dei cannibali

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Piras
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Massimo Arcangeli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

È difficile trovare una definizione precisa che spieghi cosa sia la cultura postmoderna, essendo quest’ultima un fenomeno estremamente eterogeneo.
A partire dalla metà degli anni Sessanta, si è percepito negli Stati Uniti un mutamento storico e culturale, a discapito del sapere moderno, generato dall’esplosione di fenomeni quali la pop art, la letteratura cult, la poesia beat, fino alla rivoluzione studentesca e al movimento hippie.
L’uscita del saggio "The language of postmodern architecture" (1977) dello storico dell’architettura Charles Jencks, pone l’accento, per la prima volta in modo significativo, sulla corrente di pensiero postmoderna e sul suo ruolo di controparte al movimento moderno.
Si iniziò a delineare un atteggiamento culturale meno rigido, a favore di una rivalutazione del passato e del superfluo come elemento necessario. “Less is more”, frase-manifesto del movimento moderno, veniva capovolta dall’architetto Robert Venturi in “less is a bore”, puntare sul meno è una noia.
I caratteri postmoderni, come la rivisitazione di forme depositate nella storia, sono estendibili a svariati ambiti artistici. Infatti, all’inizio degli anni ’90 si è cominciato a parlare di avvento del postmoderno, oltre che nell’architettura, nell’arte e nella letteratura, nel cinema.
Il cinema postmoderno è un cinema citazionistico e iperrealistico. Il caso cinematografico della prima metà degli anni Novanta, tipico esempio di stile postmoderno, è stato senza dubbio Pulp Fiction, scritto e diretto dal regista statunitense Quentin Tarantino in collaborazione con Roger R. Avary.
Gli anni Novanta hanno assistito anche alla nascita di un rilevante numero di giovani scrittori italiani accompagnati da molteplici etichette come “narrative invaders”, “scrittori dell’eccesso”, “neo-neoavanguardisti”, “cannibali”, “modello Pulp Fiction o Forrest Gump”. I maggiori rappresentanti di questa nuova corrente letteraria sono Niccolò Ammaniti, Aldo Nove e Tiziano Scarpa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione È difficile trovare una definizione precisa che spieghi cosa sia la cultura postmoderna, essendo quest’ultima un fenomeno estremamente eterogeneo. A partire dalla metà degli anni Sessanta, si è percepito negli Stati Uniti un mutamento storico e culturale, a discapito del sapere moderno, generato dall’esplosione di fenomeni quali la pop art, la letteratura cult, la poesia beat, fino alla rivoluzione studentesca e al movimento hippie. Il termine postmodernismo, però, inizia a circolare sin dalla fine degli anni Cinquanta, quando due critici, Irwing Howe e Harry Levin, lo utilizzano con accezione negativa; solo un decennio più tardi la sua valenza diventerà positiva. Leslie Aaron Fiedler, uno dei maggiori critici letterari statunitensi del Novecento, ne è talmente entusiasta da dichiarare l’inizio di una “postcultura” e segnala, in Cross the borders. Close the gap (1969), la caduta di ogni differenza tra cultura “elevata” e “popolare”, una complessa giustapposizione di arte d’elite e consumo di massa. L’uscita del saggio The language of postmodern architecture (1977) dello storico dell’architettura Charles Jencks, pone l’accento, per la prima volta in modo significativo, sulla corrente di pensiero postmoderna e sul suo ruolo di controparte al movimento moderno. Il ventesimo secolo vide il concretizzarsi di un’intesa tra i migliori architetti dell’Occidente, ispirata dalle poetiche del funzionalismo-razionalismo. Gropius, Le Corbusier, Mies der Rohe sostenevano soluzioni basate su una tipologia di edifici nudi e schematici, in nome dell’economia costruttiva e delle condizioni igieniche dell’abitare, con il divieto assoluto di motivi ornamentali e di accondiscendenza verso la tradizione. Privilegiavano il cemento a vista rispetto al colore ed escludevano riferimenti alle tipologie del passato quali colonne, archi e timpani; così da avvalorare la tesi dell’architetto austriaco Adolf Loos secondo cui l’ornamento era un delitto. Il movimento moderno in architettura era strettamente connesso ad avanguardie quali il cubismo, il costruttivismo sovietico, il neoplasticismo tedesco di Mondrian e Ritveld; altri fenomeni artistici del periodo , però, si differenziavano notevolmente da questi appena citati. Il futurismo elogiava l’energia e l’elettricità come sue fonti d’ispirazione, il dadaismo celebrava l’intervento del caso e il surrealismo focalizzava l’attenzione sugli aspetti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aldo nove
letteratura pulp
niccolò ammaniti
postmodernismo
pulp fiction
tiziano scarpa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi