Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Network e applicazioni alle relazioni criminali

Il presente lavoro ha come obiettivo la descrizione delle reti sociali, in particolare delle reti criminali. Si articola nel seguente modo: come prima cosa viene descritta la particolare struttura comune a tutte le reti che tessono le relazioni sociali tra gli individui, mostrando molta attenzione agli aspetti economici, cioè ai diversi concetti di efficienza sociale e di equilibrio. In secondo luogo si esaminano alcuni modelli economici molto accreditati che descrivono la formazione delle reti sociali, partendo dal modello di Jackson & Wolinsky e da quello di Bala & Goyal fino ad arrivare ad un modello insider-outsider sviluppato da Galeotti. Dopo quest’analisi si passa allo studio della rete criminale, tramite un modello sviluppato da Calvò-Armengol & Yves
Zenou. Questo modello mette in luce quelli che sono gli incentivi per gli individui derivanti dalle varie attività delinquenziali. In ultima analisi sviluppo un modello che descrive le differenze tra la struttura della rete criminale esistente in Sicilia, la Mafia,
e la struttura della rete criminale esistente in Campania, la Camorra. Queste due organizzazioni criminali sono organizzate in un modo totalmente diverso, infatti, la Mafia ha una struttura verticale e gerarchica, mentre la Camorra ha una struttura orizzontale e pulviscolare sul territorio.

Mostra/Nascondi contenuto.
22 PREFAZIONE Nell'ambito delle scienze sociali il concetto di rete � stato utilizzato a lungo come �metafora� per tradurre ora l'idea della societ� come rete di reticoli sociali, ora l'idea dell'azione sociale come esito di vincoli ed opportunit� emergenti dalle relazioni tra i soggetti. L'uso metaforico del termine ha posto il concetto di �rete sociale� ad un livello di astrazione piuttosto elevato, creando confusione terminologica e mancanza di chiarezza denitoria. Successivamente, l'impiego scientico del termine ha diminuito il livello di astrazione determinando il passaggio del concetto di rete dall'immagine intuitiva di un fenomeno complesso alla sua rappresentazione sul piano formale ed analitico. Le reti sociali come rappresentazione organizzativa dei rapporti sociali ed il suo metodo di studio, l'analisi delle reti sociali, sono stati adottati come strumenti teorici e metodologici per lo studio di numerosi fenomeni e processi. In ambito sociologico tali studi hanno mostrato che nelle reti si depositano valori materiali ma soprattutto non materiali che contribuiscono a determinare la �ricchezza� individuale e collettiva (diversa da individuo ad individuo, non solo a causa delle �capacit� relazionali�, ma anche per effetto di specici processi strutturali) espressa in beni relazionali e imme- diatamente spendibile qualora se ne presenti la necessit�. L'analisi delle reti sociali (Social Network Analysis) � una prospettiva teorica e metodologica che si occupa dello studio delle reti sociali. Essa presenta due caratteri principali: in primo luogo veicola l'idea che la societ� pu� essere considerata come

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Romeo Francia Contatta »

Composta da 234 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 862 click dal 24/11/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.