Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'allargamento del suffragio in Gran Bretagna tra il XIX e il XX secolo

Il periodo storico qui analizzato rappresenta per la Gran Bretagna un momento di profonda trasformazione. L'epoca vittoriana viveva i contrasti di una travolgente rivoluzione industriale che si riverberò nella politica. Man mano che la classe lavoratrice acquista forza, chiederà in maniera sempre più pressante un riconoscimento politico che arriverà soltanto dopo molti sforzi e numerosi rimaneggiamenti del Reform Act.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo primo LE TRASFORMAZIONI SOCIO-ISTITUZIONALI DOPO IL 1832 1. Il periodo medio vittoriano Nel corso della prima metà del XIX secolo, in Gran Bretagna si assistette ad una trasformazione sociale che avrebbe avuto un impatto irreversibile da un punto di vista politico-istituzionale. Tra gli anni ‟20 e la fine degli anni ‟40, furono varate alcune decisive riforme: venne riconosciuto il diritto per i lavoratori di unirsi in associazione, di essenziale stimolo per lo sviluppo delle Trade Unions; fu sancita la parità di diritti politici e civili per tutte le confessioni religiose; con il Great Reform Act venne raddoppiato il numero degli elettori - portandoli a 717.000, 1 ovvero il 20% dei maschi adulti - estendendo quindi il diritto al voto a consistenti settori del ceto medio e dando alla borghesia una posizione forte e riconosciuta; venne realizzata la riforma municipale e infine furono approvate le leggi sociali sul lavoro nelle fabbriche e sui poveri. La lotta politica degli anni ‟30 – ‟40 vide emergere due movimenti: quello cartista, che si batteva per il suffragio universale ed era animato soprattutto dalle Trade Unions, e quello per la riforma doganale, di cui fu il principale leader Richard Cobden, industriale cotoniero e deputato liberale. L‟abolizione del dazio sul grano assicurò «il predominio della borghesia, specialmente della sua frazione più attiva, i fabbricanti, sull‟aristocrazia 2 fondiaria» provocando la vittoria delle tesi liberiste e la spaccatura della compagine conservatrice; infatti una coalizione di Whigs e Tories condusse il governo di Robert Peel alla sconfitta (1846). Da quel momento fino al 1886 il potere venne ricoperto quasi ininterrottamente dai governi liberali. Proprio in questo periodo si andò consolidando il regime parlamentare che subordinava il 1 M. D. Pugh, Storia della Gran Bretagna 1789 – 1990, Roma, 1997. 2 Socialisme utopique et socialism scientifique, estratto dall‟Antidühring preparato da Engels nel 1880 8

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Maria Grazia Biancucci Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 467 click dal 24/11/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.