Skip to content

Effetti di una nuova classe di analoghi sintetici degli strigolattoni sui funghi arbuscolari e sulle loro capacità simbiontiche

Informazioni tesi

  Autore: Annalisa Marchioni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Naturali
  Relatore: Paola Bonfante
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

Le micorrize sono associazioni simbiontiche che si instaurano fra le radici delle piante e alcuni funghi del suolo. Le più diffuse sono quelle arbuscolari che coinvolgono funghi micorrizici arbuscolari (AM) appartenenti al Phylum Glomeromycota. Durante la simbiosi vengono originate strutture dette arbuscoli all’interno delle cellule della radice colonizzata. A livello di queste avvengono gli scambi di nutrienti: il fungo cede le sostanze minerali assorbite dal terreno, mentre la pianta cede C organico derivato dalla fotosintesi. Affinché sia possibile l’instaurarsi della simbiosi la pianta rilascia nel terreno essudati radicali contenenti molecole segnale che hanno il compito di stimolare la crescita e la ramificazione del micelio fungino verso le radici. Tali molecole sono definite “Branching factors” e sono state caratterizzate chimicamente e inserite nella categoria degli “strigolattoni”. Esse sono alla base del dialogo tra piante e funghi AM e sono anche in grado di indurre la germinazione dei semi di piante infestanti come quelle dei generi Striga ed Orobanche.
Nel mio lavoro sperimentale ho saggiato l’azione sul fungo AM Gigaspora margarita di due analoghi sintetici degli strigolattoni: PLN655, sviluppato nei laboratori della Prof.ssa Cristina Prandi, e GR24, usato come controllo positivo vista la sua attività come “Branching factor” ormai accettata ed illustrata in letteratura. In seguito è stato valutato l’effetto di PLN655 e GR24 sulla stimolazione della crescita dei funghi AM in un sistema recalcitrante alla micorrizazione, quale il gametofito della felce Pteris vittata. Ho ricercato le cause di questa recalcitranza analizzando sia la morfologia del gametofito che l’effetto di questo sui primi stadi di sviluppo di due funghi AM lontani filogeneticamente: Gigaspora margarita e Glomus intraradices.
I risultati hanno messo in evidenza che sia GR24 che PLN655 sono in grado di indurre la ramificazione delle ife, e parallelamente sembrano essere in grado di inibire la germinazione delle spore. L’effetto “branching” sembra però essere correlato alla metodica utilizzata per somministrare le molecole. Non è stata evidenziata alcuna inibizione da parte del gametofito di P. vittata su germinazione delle spore e crescita del micelio presimbiontico, ma né PLN655 né GR24 sono stati in grado di rendere possibile l’interazione tra funghi AM e gametofito. L’analisi morfologica svolta ha offerto alcune interessanti informazioni che potrebbero spiegare questa non-micorrizabilità: il gametofito risulta essere composto da strati prevalentemente unicellulari, non sono presenti cellule specializzate e queste sono tutte particolarmente ricche di cloroplasti e granuli di amido.
Dal mio lavoro di tesi si deduce che: PLN655 è in grado di agire come “Branching factor” nei confronti dei funghi AM, ma essendo attivo a concentrazioni più alte rispetto a GR24 è probabilmente meno efficace di quest’ultimo; inibisce (come anche GR24) la germinazione delle spore e ciò è in contrasto con il loro effetto inducente la germinazione di semi di piante infestanti come Striga. Probabilmente i meccanismi di germinazione sulle spore fungine e sui semi sono diversi. PLN655 e GR24 non sono in grado di rendere possibile la micorrizazione del gametofito di P. vittata. La recalcitranza del sistema può essere conseguenza delle sue caratteristiche citologiche: cellule per lo più organizzate in un unico strato, assenza di specializzazione e attività fotosintetica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
LE MICORRIZE Associazione simbiontica mutualistica tra piante e funghi PIANTA FUNGO ZUCCHERI NUTRIENTI MINERALI• Nutrizione minerale (P e N) • Effetto crescita • Tolleranza agli stress • Completamento ciclo vitale (formazione corpi fruttiferi) • Nutrizione organica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi morfologiche
effetto branching
funghi arbuscolari
germinazione suicida
gr24
micorrize
p. vittata
pln655
simbiosi
strigolattoni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi