Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli effetti reali della variazione dei tassi di crescita dell’offerta di moneta

Il modello con aspettative razionali di Lucas-Cukierman (1984) afferma che solo le variazioni inattese dell’offerta di moneta influiscono sulla variabilità dei prezzi relativi e sul reddito reale; se, a differenza di Cukierman, ipotizziamo che l’elasticità della curva di domanda sia variabile attraverso i mercati, pure le variazioni attese dell’offerta di moneta producono degli effetti reali sulla variabilità e sulla produzione aggregata; dunque la moneta diventa non neutrale.
Nella seconda parte verifichiamo se nel periodo 1980-95, i tassi di variazione di M1, atteso e inatteso, hanno esercitato un’influenza sulla variabilità dei prezzi relativi e sul tasso di crescita del PIL reale, nell’ambito dell’economia italiana; i risultati delle stime, effettuate con il metodo FIML, confermano la non neutralità della moneta, dovuta a un contesto in cui le aspettative formulate dagli agenti non sono razionali «nel senso di Muth».

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I Il ruolo della moneta nella Nuova Macroeconomia Classica Ma chi pensi di poter fondare una politica valida per le economie reali sulla convinzione che i cittadini formino razionalmente le loro aspettative, e che la mano invisibile, se lasciata libera di operare, ci condurrebbe senza molto ritardo a un equilibrio di aspettative razionali, non può, credo, sperare di essere preso sul serio. Hahn [1982a, 71] 1 Introduzione Il programma degli studiosi della Nuova Macroeconomia Classica si pone come obiettivo la «microfondazione»1 della macroeconomia sulla base della teoria walrasiana dell’equilibrio economico generale, opportunamente modificata per analizzare il caso di un’economia monetaria. Nello stesso tempo, i nuovi classici intendono dimostrare il «fallimento»2 del pensiero keynesiano e della sintesi neoclassica, sia sotto il profilo teorico, sia sotto il profilo delle implicazioni di politica economica3. Il lavoro di Lucas4 discusso in questo capitolo costituisce un’ottima sintesi dei risultati teorici conseguiti dalla nuova teoria classica, e rappresenta il modello archetipico da cui prende sviluppo una parte consistente della letteratura 1 Rodano [1987a, 25]. 2 Lucas & Sargent [1979, 302]. 3 Cfr. Brunner & Meltzer [1976], Goodhart [1975], Lucas & Sargent [1979], Napoleoni & Ranchetti [1990], Phelps [1969], Rodano [1987a], Taylor [1985], Tobin [1985]. 4 Lucas [1973].

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Massimiliano Burgio Contatta »

Composta da 211 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 447 click dal 02/12/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×