Skip to content

Martiri palestinesi sulla stampa italiana, tra prima e seconda Intifada. La narrazione del conflitto e le reazioni pubbliche della politica italiana

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Amati
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Marcella Emiliani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 253

Nel corso della storia, la percezione generale di molti conflitti è stata influenzata dai diversi punti di vista assunti dai mass media internazionali riguardo gli eventi, e l’Intifada è un chiaro esempio di come una copertura giornalistica favorevole possa aiutare a conseguire dei successi simbolici, spendibili successivamente in termini politici. Questo fu sicuramente il caso dei due conflitti dell’Intifada, in cui i news media globali si rivelarono una lama a doppio taglio per i contendenti: gli israeliani e i palestinesi. Nel corso della prima Intifada, infatti, le immagini prevalenti dello scontro, diffuse in tutto il mondo, raffigurarono ragazzi palestinesi, detti “Shahid” o “Martiri”, che fronteggiavano i mezzi pesanti e le armi dell’esercito israeliano lanciando pietre. La resistenza degli Shahid, ed il clima di ostilità internazionale alle risposte di Israele, diedero una spinta decisiva verso gli storici accordi di Oslo. Le stesse dinamiche non si riproposero tuttavia nella seconda Intifada, quando ad una sollevazione popolare palestinese si era sostituita una rivolta armata gestita da gruppi paramilitari ed islamisti, mentre la neonata Autorità Palestinese governata da Arafat, manteneva un atteggiamento ambiguo nei loro confronti. Questo atteggiamento aiutò gli israeliani nel pianificare una strategia basata sulla declassificazione di Arafat, da uomo di stato a sostenitore del terrorismo, soprattutto dopo il fallimento dei negoziati di Camp David e dopo gli attentati dell’11 settembre, creando un clima generale loro favorevole. Nella seconda Intifada una maggiore ostilità internazionale fu infatti percepita nei confronti dei palestinesi e degli Shahid, che da “ragazzi con le pietre” si erano trasformati in “martiri suicidi”.
Obiettivi dell’analisi:
Il principale intento della mia tesi è di dimostrare, attraverso uno studio comparato sulla stampa italiana, con quale forza il contesto politico, l’immagine dei martiri palestinesi, le risposte del governo israeliano, abbiano influito, nella prima e nella seconda Intifada, sulla narrazione dei due conflitti, evidenziando le differenze nella copertura delle due crisi. Nello specifico, mi sono concentrato su tre differenti piani di analisi, utilizzando una prospettiva comparata sia tra i tre livelli di studio, che tra i periodi di copertura esaminati:
• Il livello della copertura giornalistica effettuata dai mass media internazionali:
- L’influenza del contesto politico sulla narrazione del conflitto.
- L’effetto di feedback dei media globali sui combattenti.
• Il livello della copertura giornalistica effettuata dai quotidiani italiani.
• Il livello della copertura giornalistica inerente alle reazioni pubbliche dei politici italiani agli eventi descritti.
Per approfondire i diversi piani di analisi, ho utilizzato il concetto di “media frame” definito dagli studi di Robert Entman, come un processo che “consiste nel selezionare alcuni aspetti di una realtà percepita e renderli più salienti in un testo comunicativo, in modo da promuovere la definizione di un problema, un’interpretazione, una valutazione morale, una raccomandazione”.
Gli esiti dell’analisi sono stati sorprendenti. In primo luogo è stato possibile dimostrare attraverso uno studio teorico sulla letteratura, ed uno pratico sui quotidiani, una corrispondenza elevata tra il contesto politico della prima Intifada e quello mediatico, sia internazionale che italiano. Infatti, gli eventi descritti dai media, le istanze politiche sollevate, gli obiettivi dello scontro, furono rappresentati dai mass media internazionali e dai quotidiani italiani in maniera analoga. In secondo luogo, è stato possibile dimostrare l’importanza di un effetto di feedback della stampa internazionale sui combattenti, sia nella prima che nella seconda Intifada. In terzo luogo, è stata notata, soprattutto nel corso della seconda Intifada, una forte peculiarità dei quotidiani italiani nella descrizione degli eventi, molto spesso più influenzati da direttive partitiche, preconcetti ideologici, linee editoriali, che dal contesto politico generale di riferimento. Ciò è stato notato perché, nonostante il cambiamento nell’approccio internazionale e politico al conflitto, e nonostante il cambiamento dirompente nelle azioni degli Shahid, quotidiani come l’Unità e Il Manifesto, hanno proseguito su una linea di sostegno ai palestinesi, mentre il Corriere della Sera si è mantenuto su posizioni neutrali. Infine è stata evidenziata un’evoluzione nell’atteggiamento dei politici nei confronti della stampa: con la progressiva crescita di importanza dei news media, sempre più politici hanno rilasciato dichiarazioni ai quotidiani analizzati, adottando stili comunicativi sempre più elaborati, cercando di soddisfare le aspettative dell’elettorato, e conferendo ai giornali un ruolo di stimolo al dibattito interno sul conflitto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. Introduzione metodologica: il concetto di frame 1.1 Il giornalismo obiettivo Pur richiamandosi alla nozione di giornalismo obiettivo, che dovrebbe condurre sia le news organisations sia i singoli giornalisti a rappresentare i fatti correnti attraverso una lente analitica attenta e distaccata, risulta difficile definire le notizie come un prodotto neutrale ed oggettivo. Vi è infatti un consenso unanime tra i giornalisti, tra i diversi codici SURIHVVLRQDOL H DQFKH WUD JOL DFFDGHPLFL VXOO¶REEOLJR GL YHULGLFLWj FKH spetta ai giornalisti. Tuttavia, il problema si pone quando i giornalisti stessi devono fornire una propria versione dei fatti, ed allo stesso tempo informare fedelmente il destinatario: a questo proposito sorse la regola GHRQWRORJLFD GHOO¶RELHWWLYLWj /¶RELHWWLYLWj JLRUQDOLVWLFD q XQD UHJROD professionale che ha definito il giornalismo anglosassone ed europeo per ROWUH FHQW¶DQQL ULFKLDPDQGRVL DOO¶LPSDU]LDOLWj DOOD ³IDFWXDOLW\´ HG DOOD ³QRQSDUWLVDQVKLS´ HVLJHQGR XQD IHGH FRVWDQWH QHL IDWWL HG XQ ULILXWR QHL valori, che devono essere messi da parte nella fase di scrittura delle notizie, per offrire un resoconto attinente alla realtà (Gaitano 2004, 405). Nel corso degli anni tuttavia, e soprattutto in età recente, la veridicità di questo concetto è stato ripetutamente oggetto di critiche, che lo definivano come una scusa dietro la quale i giornalisti si nascondevano, nel condurre analisi superficiali, nel trasmettere acriticamente le fonti ufficiali e governative, nel divenire oggetto di manipolazioni (Vaccari 2007, 117)1. Il giornalismo contemporaneo, ha sviluppato dunque uno stile più critico nei confronti della realtà, e la stampa si è posta sempre più frequentemente in maniera 1 &RQO¶DIIHUPD]LRQHGHLPH]]LGLFRPXQLFD]LRQHGLPDVVDFRPHXQLFRFDQDOHSHUWUDVPHWWHUHLOSURSULR messaggio ai cittadini, i politici hanno messo a punto nel corso degli anni tutta una serie di strategie, che FRQVHQWDQRORURGLLPSRUUHODSURSULDDJHQGDGLHOXGHUHTXHVWLRQLGHOLFDWHH LQGLUL]]DUHO¶LQIRUPD]LRQH VHFRQGROHORURHVLJHQ]H'DOO¶DOWURODWRLJLRUQDOLVWLVLUHQGRQRFRQWRGLHVVHUHYLWWLme di questi tentativi GL PDQLSROD]LRQH H FHUFDQR GL UHSOLFDUH FRQ OD VWUDWHJLD GHOOR VPDVFKHUDPHQWR H GHOO¶LQWHUSUHWD]LRQH (Vaccari 2007, 117).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arafath
camp david
conflitto israelo-palestinese
corriere della sera
frame
giordania
hamas
il manifesto
intifada
israele
israeliano
l'unità
martire
media
medioriente
olp
oslo
palestina
palestinese
processo di pace
road map
shahid
sharon
usa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi