Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Società post-convenzionale e crisi dello Stato. La Costituzione brasiliana tra promesse di modernità e sfide per il futuro

Il lavoro in questione si preoccupa di investigare le caratteristiche e l'evoluzione della Costituzione brasiliana, adottata nel 1988 con il ritorno della democrazia. In particolar modo viene approfondita la questione sulle innovazioni costituzionali e sui nuovi istituti introdotti, soprattutto nell'ambito del controllo diffuso di costituzionalità. Viene evidenziato il problema rappresentato dalla bassa concretizzazione delle disposizioni costituzionali, e le eventuali soluzioni proposte. Il lavoro include inoltre una rassegna delle differenti teorizzazioni elaborate dalla dottrina brasiliana nei confronti della teoria dello stato e della teoria costituzionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 Le recenti vicende internazionali, con la crisi finanziaria partita dagli Stati Uniti che ha investito tutto il pianeta, propagandosi in seguito all’economia reale, ci impongono di riflettere e ripensare quelli che sono i paradigmi attuali che si sono venuti a consolidare negli ultimi anni. Una rinascita del liberismo, non a caso definito neo- liberismo, con una rinnovata concezione dello Stato visto come il semplice garante di libertà negative e diritti soggettivi. Uno Stato che si deve astenere dall’intervenire attivamente nel sociale, nell’economia, e più in generale in tutti quegli aspetti della vita umana e dell’organizzazione della società che si riferiscono alla singola e personale concezione di bene e dei conseguenti mezzi per realizzarla. Uno Stato definito infatti “minimo”, proprio perché è necessario che gli interventi nella gestione e disciplina delle relazioni tra i soggetti che lo compongono siano limitati al minimo indispensabile a consentirne una pacifica convivenza. Una visione che affonda le sue origini nelle concezioni di Locke, campione dello Stato liberale e del contratto sociale, convinto assertore della necessità di limitare il potere dello Stato, perché questo non ne 1 Per un'analisi della crisi finanziaria globale esplosa nel 2008 e delle cause che l'hanno provocata rimando a Paul Krugman, Il ritorno dell'economia della depressione e la crisi del 2008, Milano, Garzanti Libri, 2009. 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Vincenzo De Bonis Contatta »

Composta da 234 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 767 click dal 26/11/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.