Skip to content

Le politiche attive del lavoro: quadro attuale e prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Tittarelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Pierluigi Grasselli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 168

La disamina delle politiche del lavoro è una delle questioni più discusse in riferimento al tema dell’occupazione e alle sue problematiche. La sua applicazione al contesto attuale, sia a livello mondiale che locale, ne accentua sicuramente l’importanza e la pone tra temi di studio più interessanti del momento.
Nel primo capitolo viene introdotto il concetto di politiche del lavoro intese abitualmente come quelle politiche che, oltre ad agire direttamente nel mercato del lavoro, vi agiscono in maniera selettiva, così distinguendosi dagli assetti istituzionali e regolamentativi complessivi. Le politiche in questione sono solo quelle specificatamente indirizzate ad individui con particolari esigenze e difficoltà perché alla ricerca di un lavoro, a rischio di perdere il posto di lavoro o scoraggiati nella loro azione di ricerca.
Nel secondo capitolo vengono approfondite le tematiche riguardanti gli orientamenti, le direttive comunitarie e le principali misure intraprese per l’Italia. Viene quindi illustrata la Strategia Europea per l’Occupazione (SEO), che ha l’obiettivo principale di compiere progressi decisivi nella lotta alla disoccupazione. Infatti fin dalla sua nascita essa ha instituito un quadro di sorveglianza multilaterale che comprende una relazione congiunta annuale sull’occupazione e sulle sue linee direttrici, le quali sono la base per i piani d’azione nazionali e le raccomandazioni del Consiglio dei Ministri, destinate ai diversi Stati membri. Si parla del Libro Bianco di Jacques Delors, presentato dalla Commissione europea nel dicembre del 1993, che ha come argomento principale il problema della disoccupazione nei paesi membri della Comunità Europea e rappresenta il contributo più autorevole proposto dalle istituzioni comunitarie per affrontare la più grave emergenza economica e sociale che affligge l'Unione Europea. Contiene numerose indicazioni di politica economica che i singoli Stati membri e la Comunità nel suo complesso dovrebbero seguire per combattere un fenomeno preoccupante che ha afflitto l'Europa.
Poi viene analizzata la situazione italiana prendendo in considerazione le riforme recenti più importanti in tema di lavoro come il Pacchetto Treu e la Legge Biagi.
Nel terzo capitolo vengono esposte le politiche attive del lavoro e le loro caratteristiche, l’ambito di applicazione, e la collocazione nell’ordinamento italiano. Si parla quindi di servizi per l’impiego come strumento di intermediazione, della formazione professionale, della Job rotation, degli incentivi all’occupazione, dell’inserimento dei disabili, della creazione diretta di posti di lavoro, e degli incentivi alle nuove attività. Il tutto introdotto dall’influenza della Strategia Europea per l’Occupazione che, ricordiamo, ha sostenuto l’adozione di politiche attive del lavoro volte a rafforzare l’occupabilità e a prevenire il rischio di disoccupazione dei gruppi di popolazione più svantaggiati e più lontani dal mercato del lavoro, all’interno di un generale processo di attivazione delle politiche di assistenza e sostegno del reddito.
Il quarto ed ultimo capitolo riporta i piani e le strategie occupazionali per la Regione Umbria descritti attraverso il Piano Operativo Regionale che prende in considerazione la politica di coesione economica e sociale dell’Unione Europea, finalizzata a promuovere uno sviluppo equilibrato e sostenibile della comunità, riducendo le disparità economiche e sociali tra gli stati membri. Infine, dopo aver illustrato l’evoluzione del mercato del lavoro in Umbria degli ultimi anni, vengono tracciate le linee guida e gli scenari di intervento da seguire per contrastare la crisi attuale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La disamina delle politiche del lavoro è una delle questioni più e sue problematiche. La sua applicazione al contesto attuale, sia a livello pone tra temi di studio più interessanti del momento. Nel primo capitolo viene introdotto il concetto di politiche del lavoro intese abitualmente come quelle politiche che, oltre ad agire direttamente nel mercato del lavoro, vi agiscono in maniera selettiva, così distinguendosi dagli assetti istituzionali e regolamentativi complessivi. Le politiche in questione sono solo quelle specificatamente indirizzate ad individui con particolari esigenze e difficoltà perché alla ricerca di un lavoro, a rischio di perdere il posto di lavoro o scoraggiati nella loro azione di ricerca. Le politiche del lavoro vengono generalmente distinte tra politiche passive ed attive. Le prime sono identificate come quelle miranti a lenire il disagio sociale creato dalla disoccupazione, con un effetto tendenzialmente peggiorativo degli equilibri occupazionali. In concreto le politiche passive sono identificate nei diversi schemi di sussidi di disoccupazione, quelli che in Italia sono definiti come ammortizzatori sociali, e negli schemi di prepensionamento. Le seconde invece sono spesso identificate con quegli interventi che mirano a incidere sulle opportunità occupazionali dei singoli individui, in particolare aumentando la probabilità di trovare un lavoro per i soggetti più a rischio. 7    

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ammortizzatori
attive
biagi
cassa integrazione
fondo sociale europeo
formazione professionale
impiego
inserimento
job rotation
lavoro
occupazione
politiche attive
politiche passive
treu

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi