Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La creazione di capitale imprenditoriale come politica dell'innovazione

Nelle attività innovative si uniscono e sviluppano conoscenze e processi di apprendimento, competenze per utilizzare tecnologie esistenti e adottarne di nuove, capacità e risorse per introdurre nuovi processi produttivi e realizzare nuovi prodotti per affermarsi sui mercati. In questo percorso si intrecciano competenze individuali, aspetti strutturali e comportamentali di imprese e di organizzazioni pubbliche, quali università, centri di ricerca, soggetti governativi, in forme differenziate a seconda delle tecnologie dei settori produttivi, dei contesti economici e istituzionali. Le imprese sono gli attori principali nella produzione, nell’adozione e nell’utilizzo di nuove tecnologie; sono continuamente impegnate in processi di apprendimento e di accumulazione delle conoscenze.
Le imprese costituiscono dunque il canale d’uscita di output innovativi. La loro attività di sfruttamento delle risorse disponibili avviene grazie anche ad altri agenti, per cui le università giocano un ruolo cruciale nella ricerca di base e nella formazione di capitale umano, sostenendo l’innovazione, la diffusione della tecnologia e la produzione delle imprese.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Nelle attività innovative si uniscono e sviluppano conoscenze e processi di apprendimento, competenze per utilizzare tecnologie esistenti e adottarne di nuove, capacità e risorse per introdurre nuovi processi produttivi e realizzare nuovi prodotti per affermarsi sui mercati. In questo percorso si intrecciano competenze individuali, aspetti strutturali e comportamentali di imprese e di organizzazioni pubbliche, quali università, centri di ricerca, soggetti governativi, in forme differenziate a seconda delle tecnologie dei settori produttivi, dei contesti economici e istituzionali. Le imprese sono gli attori principali nella produzione, nell’adozione e nell’utilizzo di nuove tecnologie; sono continuamente impegnate in processi di apprendimento e di accumulazione delle conoscenze. Le imprese costituiscono dunque il canale d’uscita di output innovativi. La loro attività di sfruttamento delle risorse disponibili avviene grazie anche ad altri agenti, per cui le università giocano un ruolo cruciale nella ricerca di base e nella formazione di capitale umano, sostenendo l’innovazione, la diffusione della tecnologia e la produzione delle imprese. Il lavoro qui svolto include dunque una prima parte volta ad analizzare l’innovazione ed in particolare il modo con cui questa si diffonde in un territorio analizzando i fattori che contribuiscono alla sua adozione e diffusione, l’importanza della dimensione spaziale per una più rapida diffusione, nonché la prossimità geografica, come fattore agevolatore di knowledge spillovers. Quindi la capacità imprenditoriale come canale principale di trasmissione della conoscenza in una regione, e l’imprenditorialità intesa come l’identificazione di opportunità non sfruttate. Nella seconda parte si introducono gli effetti della

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Dal Betto Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1235 click dal 01/12/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.