Skip to content

La percezione dello sport da parte degli Europei e degli Italiani

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Zappoli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione sociale e istituzionale
  Relatore: Giancarlo Gasperoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

“Lo sport fa parte del patrimonio di tutti gli uomini e di tutte le donne e niente potrà mai compensare la sua assenza”

Pierre De Coubertin

Quando parliamo di sport non possiamo dimenticare Pierre De Coubertin pedagogo e storico francese, conosciuto per essere stato il fondatore dei moderni Giochi Olimpici.
Nato da una famiglia aristocratica, venne ispirato da una sua visita ai college e alle università inglesi e americane, e si impegnò nel miglioramento del sistema educativo. Parte di questo miglioramento sarebbe stata affidata all'educazione sportiva, che pensava sarebbe stata una parte importante dello sviluppo personale dei giovani. Concepì una competizione internazionale per promuovere l'atletica e, grazie al crescente interesse mondiale per le olimpiadi antiche, nutrito dalla recenti scoperte archeologiche di Olimpia, escogitò una strategia per riportare in vita i Giochi Olimpici, strategia pienamente riuscita perché nel 1894 si svolsero i primi Giochi Olimpici ad Atene. Questo fu solo l’inizio di una lunga serie di importanti eventi sportivi.
Oggi esiste la medaglia Pierre de Coubertin (nota anche come "Medaglia del Vero Spirito Sportivo"), un riconoscimento dato dal Comitato Olimpico Internazionale a quegli atleti che dimostrano uno spirito di sportività nei Giochi olimpici. Questa medaglia è considerata da molti atleti e spettatori come il più grande premio che un atleta possa ricevere, persino più grande di una medaglia d'oro. Il Comitato Olimpico Internazionale la considera la sua più alta onorificenza.
È stata attribuita nel 1964, durante l'Olimpiade invernale ad Innsbruck, al bobbista italiano Eugenio Monti per la sportività dimostrata nei confronti della squadra britannica di bob a 2 formata da Tony Nash e Robin Dixon per aver prestato un bullone che permise loro di vincere la medaglia d'oro nella relativa competizione.
La mia ricerca è partita dalla lettura di varie ricerche pubblicate dalla Commissione Europea per poi sfociare nel caso Italia, dove lo sport nazionale è il calcio, il quale genera molto business, ma anche varie problematiche, specialmente di ordine pubblico. Ho cercato di analizzare un po’ alcuni aspetti che lo riguardano, facendo riferimento alle linee guida dettate dalla Commissione Europea e dalla FIFA per comprendere la percezione dello sport in Europa e in Italia.
Nella prima parte dedicata agli approcci e alle prospettive dello sport ho analizzato la genesi dello sport in Inghilterra e negli altri paesi europei, per poi affrontare il delicato tema dello sport in relazione alle classi sociali di appartenenza, per poi passare all’effettiva pratica di attività fisica nell’Unione Europea. Infine mi sono occupata del deterioramento dello sport.
Nella seconda parte dedicata al mutamento e diffusione degli sport in Europa e in Italia ho approfondito gli atti, i regolamenti, la dimensione economica e gli organi che si occupano di sport in Europa e in Italia: il Libro Bianco sullo Sport, le linee guida della Commissione, l’organizzazione dello sport e in ordine il CIO (Comitato Olimpico Nazionale), il CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), la FIFA (Federazione Internazionale delle Associazioni Calcistiche), l’UEFA (Unione delle Federazioni Calcistiche Europee) e infine la FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio).
Nella terza parte in cui affronto il tema dello sport in relazione alla società moderna, non potevo non parlare dello sport nell’era della tv e di come esso sia cambiato in positivo e in negativo. Ho successivamente parlato dei tanti benefici che lo sport reca alla salute (e non solo) di tutte le persone che lo praticano, per poi passare alla dimensione sociale dello sport con un esempio concreto rappresentato dall’Associazione Calcistica Osteria Grande ASD dove ho recentemente svolto un tirocinio come addetta stampa. Ho ritenuto importante affrontare il tema della percezione dello sport nella scuole italiane, del problema del doping anche tra i giovani atleti.
Nella quarta ed ultima parte in cui affronto il tema dello sport e dei conflitti sociali mi sono concentrata sullo sport più diffuso in Italia che è sicuramente il calcio, senza dimenticare gli aspetti negativi legati ad esso come la violenza negli stadi, gli incidenti nei campionati di serie A e B, lo scandalo di Calciopoli del 2006, un piccolo caso relativo agli ultras del Bologna F.C. 1909 tifoseria formata da molte donne, ponendo un interrogativo: perché negli Stati Uniti non c’è ancora il calcio?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Parte Prima SPORT: APPROCCI E PROSPETTIVE 1.1 La genesi dello sport Molti sport oggi praticati in modo più o meno uguale in tutto il mondo 1 hanno avuto origine in Inghilterra. Da lì si diffusero in altri paesi, soprattutto tra la seconda metà dell‟Ottocento e la prima del Novecento. Il calcio, nella forma in cui divenne poi famoso in Inghilterra come Association Football o, nell‟abbreviazione popolare, “soccer”, era uno di questi. Altri erano la corsa di cavalli, la lotta, il pugilato, il tennis, la caccia alla volpe, il canottaggio, il croquet e l‟atletica. Ma nessuno fu altrettanto ampiamente e, in molti casi, rapidamente adottato e assimilato da altri paesi come proprio, quanto la versione moderna del calcio detta soccer. Né fu altrettanto popolare. Anche il termine inglese sport fu largamente accettato da altri paesi come termine generico per designare questi passatempi. Nel 1936 un commentatore tedesco scrisse: «Com‟è noto, l‟Inghilterra fu la culla e la “madre” premurosa dello sport». Termini tecnici inglesi relativi a questo campo di attività sembrano poter diventare patrimonio comune di tutte le nazioni, nello stesso modo in cui si sono diffusi i termini tecnici italiani per la musica. E probabilmente un fatto raro che un pezzo di cultura si trasferisca con così pochi cambiamenti da un paese all‟altro. La diffusione del termine inglese sport, fino a diventare un‟espressione comprensibile per i tedeschi, procedette lentamente sino alla metà dell‟Ottocento, per poi diventare sempre più comune, in relazione all‟aumento delle attività sportive. Infine, nel Novecento, Sport divenne una parola tedesca pienamente accettata. In Germania, come in Francia, alcuni termini inglesi che appartenevano al linguaggio sportivo della classe superiore, furono adottati già nel diciottesimo secolo. È significativo ai fini della comprensione dello sviluppo 1 Cfr. N. Elias, Il processo di civilizzazione, Bologna, Il Mulino 1998 9

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi