Skip to content

Riforme incompiute e orientamento al risultato: esperienze di cambiamento nella Pubblica Amministrazione

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Romanin
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Giovanni Costa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

Quello che questo lavoro vuole far risaltare è il sostanziale fallimento dei tentativi di riforma e rinnovamento intrapresi in tre decenni di storia italiana, attraverso un’analisi storica e critica delle cause e dei risultati dei processi di cambiamento.
La contrattualizzazione del pubblico impiego, la valutazione dei risultati, i nuovi strumenti e le nuove politiche di gestione delle risorse umane – introdotti nella lunga stagione di riforme degli anni Novanta – avrebbero dovuto incentivare il nascere di un nuovo modo di pensare l’Amministrazione, una nuova forma mentis plasmata da principi guida quali l’efficienza, l’efficacia, la produttività, il merito e da logiche di libero mercato di stampo privatistico. Un nuovo orientamento al risultato difficile da attuare – e forse anche da accettare – ma necessario, in grado di permettere enormi risparmi di spesa – se si guarda a quello che nel tempo è stato perso – e un recupero della competitività e dell’efficienza, anche a livello internazionale.
Questi capitoli fotografano, dunque, una situazione a tratti drammatica e a tratti ciclica. Le promesse di cambiamento nel tempo fatte hanno contribuito ad alimentare false illusioni e speranze, senza del resto portare ad un concreto rinnovamento dell’Amministrazione.
Qualunque impresa gestita come è (ed è stata) governata la Pubblica Amministrazione, vedrebbe vicina l’ombra del fallimento. E qualunque dipendente che non si meriti il posto di lavoro che occupa verrebbe, nella maggior parte dei casi, licenziato. Ma perché allora la Pubblica Amministrazione corre per un binario tutto suo? E, soprattutto, perché l’annosa questione delle riforme amministrative non riesce a trovare soluzione? La tesi cercherà di rispondere a questi e altri interrogativi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La questione delle riforme amministrative e della produttività delle pubbliche amministrazioni ha tornato, recentemente, a riempire le pagine dei giornali e a scuotere il mondo politico e sindacale. Il dibattito creatosi attorno al libro di Ichino sui nullafacenti e ai recenti e discussi provvedimenti intrapresi da Brunetta, attuale ministro della Pubblica Amministrazione e dell’Innovazione, hanno destato, e per certi versi riacceso, un crescente interesse al tema del lavoro pubblico, un’attenzione rivolta soprattutto alla questione dei nullafacenti di Ichino o, dir si voglia, dei fannulloni di Brunetta. Sebbene il tema di cui ultimamente si parla tanto sembra limitarsi talvolta al solo problema dell’assenteismo nei pubblici uffici, la questione è ben più complessa, e non è stata inventata né dal ministro né dal senatore, ma ha precedenti storici di straordinario rilievo. La vexata questio, che ancor oggi sembra non aver trovato soluzione, dell’inefficienza della Pubblica Amministrazione, dei fannulloni e dell’enorme costo che grava pesantemente sulle casse dello Stato – e quindi dei cittadini – trova un illustre esponente già alla fine degli anni Settanta, quando il ministro della Funzione Pubblica Massimo Severo Giannini trasmette alle Camere una lettera aperta in cui affronta per punti, uno a uno, i mali dell’Amministrazione e dello Stato. E al lettore dei giorni nostri dovrebbe risultare sorprendente notare come i mali di allora siano gli stessi di oggi, a distanza di quasi trent’anni di dibattiti, riflessioni e riforme. Quello che questo lavoro vuole far risaltare è il sostanziale fallimento dei tentativi di riforma e rinnovamento intrapresi in tre decenni di storia italiana, attraverso un’analisi storica e critica delle cause e dei risultati dei processi di cambiamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

29/93
amministrazione pubblica
bassanini
brunetta
cassese
ccnl
concertazione
contrattazione collettiva
contratti pubblici
contrattualizzazione
giannini
legge quadro pubblico impiego
orientamento al risultato
prima privatizzazione
produttività
pubblica amministrazione
pubblico impiego
rifome
riforma dello stato
riforme amministrative
seconda privatizzazione
sindacati
statali
valutazione dei risultati

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi