Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Viaggio attraverso un secolo. Il Titanic e la crisi del Novecento

Fin dagli anni, se non dai giorni immediatamente successivi al naufragio, avvenuto nell’aprile del 1912, si può dire che la breve storia del Titanic abbia assunto un alto valore simbolico e perfino mitico, esercitando un fascino e una popolarità costanti o addirittura crescenti nel tempo, ed arricchendosi spesso di nuovi significati nelle diverse riletture dell’evento effettuate sia da intellettuali che da diversi settori dell’industria culturale.
Probabilmente, i motivi del suo enorme “successo narrativo” e del suo potere evocativo sono fondamentalmente due: uno di carattere storico, l’altro più universale. Innanzitutto, il naufragio del Titanic è stato considerato come un’anticipazione simbolica della Grande guerra, che solo due anni dopo avrebbe spazzato via il mondo ottocentesco, con i fasti della Belle Epoque e le disuguaglianze sociali di una società industriale rigidamente classista, per dare inizio all’epoca definita da Hobsbawm l’”Età della Catastrofe”, che avrebbe sconvolto il mondo sotto tutti gli aspetti, politico, socio-culturale e psicologico, minando alla base quelle certezze razionali che avevano caratterizzato il secolo precedente. Non solo: tutto il Novecento si può considerare un secolo di grandi contraddizioni, fra progressi in tutti i campi del sapere e della vita sociale alternati a ripetute crisi, che hanno dato origine ogni volta a riletture diverse, e a volte contrastanti, del recente passato. La storia del Titanic ne è un esempio, che passa attraverso film di propaganda come quello tedesco anti-britannico del 1943, o letture inserite in visioni ideologiche opposte come quella di Jünger del 1951, o quella di Enzensberger del 1978, in cui il naufragio del transatlantico si fonde con la sconfitta delle illusioni legate alla rivoluzione cubana degli anni Sessanta.
Inoltre, la storia della “nave inaffondabile” racchiude in sé molte tematiche da sempre ricorrenti nella cultura occidentale, dai miti classici ai prodotti dell’industria culturale moderna: dal rapporto controverso dell’uomo con la natura e con la tecnologia, alle disuguaglianze sociali, l’arroganza del potere economico, il viaggio come speranza in un futuro migliore e come rischio di superamento dei confini, gli abissi del mare come simbolo di forze ignote, incomprensibili e quindi spaventose, ed infine la precarietà della vita e delle cose materiali. Tutte tematiche legate ai problemi fondamentali dell’esistenza umana, che però assumono particolare importanza nell’epoca moderna e contemporanea.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Introduzione Questa tesi nasce dal tentativo di capire perché il naufragio del Titanic, avvenuto nell‟aprile del 1912, colpisca ancora fortemente l‟immaginario contemporaneo a distanza di quasi un secolo, e come si sia formato un alone mitico intorno a questo episodio, grazie anche alle innumerevoli letture, più o meno romanzate, che ne ha fornito l‟industria culturale. Non è possibile, ovviamente, passare in rassegna la grandissima quantità di materiale bibliografico e mediale prodotto su questo episodio; la scelta, quindi, è ricaduta su singoli esempi di analisi saggistiche, letture poetiche o di prodotti dell‟industria, cinematografica ma anche musicale, divisi secondo un criterio cronologico o tematico. Senza nessuna pretesa di completezza, il percorso costruito a partire da questi materiali intende fornire un‟immagine dell‟eterogenea produzione, sia italiana che internazionale, sul disastro del Titanic, e tracciare, a grandi linee, un percorso storico di costruzione e arricchimento di significati intorno al naufragio del leggendario transatlantico. Il primo capitolo illustra il rapporto di continuità che lega i miti classici alla cultura occidentale moderna, basato sulla riproposizione di alcuni temi fondamentali dell‟esistenza umana, per poi soffermarsi sulla figura del titano Prometeo,

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Claudia Borgia Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6705 click dal 11/02/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.