Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Geopolitica del crimine organizzato messicano

Nella seconda metà dell’ 800 con la scoperta negli Stati Uniti della morfina, ricavata dalla lavorazione dell’oppio grezzo, e la diffusione delle piantagioni di marijuana in Messico, iniziano a nascere le prime organizzazioni criminali messicane. Dall’inizio dell’ 900 il fenomeno dello spaccio di droga ha un notevole aumento. I cartelli messicani riescono nel giro di 50 anni, arrivando fino ai giorni nostri, a diventare tra le organizzazioni criminali più potenti e ramificate nel mondo. La lotta al crimine organizzato messicano inizia nella metà degli anni ’20 ed oggi viene considerata dal governo messicano come la priorità fondamentale per la sicurezza e la stabilità dello Stato. Gli stretti rapporti bilaterali tra Messico e Stati Uniti sono da sempre fondamentali nel contrasto alle organizzazioni criminali. Di seguito ripercorriamo brevemente in quattro punti la storia del crimine organizzato messicano.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 ξ I DESTINI INCROCIATI DI STATI UNITI E MESSICO: BREVE STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLA DROGA DALLA META‟ DELL‟800 ALLA META‟ DEGLI ANNI „80 Il Messico e gli Stati Uniti sono legati a doppio filo da più di un secolo nelle questioni riguardanti il consumo e la vendita delle droghe. Nella guerra tra gli Stati Uniti e il Messico (1846-1848) l‟uso della marijuana al fronte era molto diffuso tra i combattenti di entrambe le parti; il commercio di questa sostanza era legale sia in Messico che negli Stati Uniti. Con l‟avvento della morfina nella seconda metà dell‟800, scoperta proprio da studiosi americani e ricavata dalla lavorazione dell‟ oppio grezzo1, l‟abuso dei narcotici, non solo di marijuana, crebbe in modo esponenziale tra le file dei soldati in battaglia. Basti pensare che i medici confederati e dell‟Unione durante la guerra civile americana (1861-1865) prescrivevano morfina e altre sostanze stupefacenti2 alle truppe per alleviare le sofferenze e il dolore delle ferite riportate in battaglia e per combattere le malattie diffuse negli accampamenti militari, come malaria e dissenteria. Nello stesso periodo in Messico iniziarono a diffondersi le prime piantagioni di marijuana. Nel 1886, un anno dopo l‟approvazione della legislazione proibizionista nella città di Atlanta su pressione della forte e influente chiesa metodista, il Dr. John Stith Pemberton iniziò a produrre la Coca Cola. I tempi, però, stavano cambiando: i legislatori e settori della società civile vedevano nelle sostanze narcotiche un pericolo alla sicurezza ed alla salute pubblica collegato ad una crisi dell‟integrità morale della popolazione. Infatti nel 1906 fu approvato dal Congresso americano, dopo anni di battaglie di due agguerrite associazioni, la Anti-Saloon League e l‟organizzazione femminista e protestante Women‟s Christian 1 W.Grayson, George. Mexico’s struggle with drugs and thugs, (New York: the Foreign Policy Association, 2009),9 2 Ibidem

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federico Marzano Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2112 click dal 02/12/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.