Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il bilancio della società calcistiche: aspetti funzionali e specificità patologiche

Il calcio è lo sport più praticato, seguito e conosciuto nel mondo e in particolare nel nostro paese; la passione per questa disciplina sportiva è testimoniata dal numero di persone che la praticano, che la seguono quotidianamente, mediante le emittenti televisive e radiofoniche, testate giornalistiche e canali telematici; che vanno allo stadio per assistere alle partite di calcio. Il calcio e lo sport in generale sono considerati un bene meritorio, vale a dire un bene o servizio il cui consumo è ritenuto dalla collettività particolarmente desiderabile e meritevole quindi di tutela e di incoraggiamento da parte del settore pubblico. L’intervento dello Stato è quindi giustificato dall’impatto positivo che l’attività sportiva ha sul benessere psico-fisico di tutti gli individui, il che in chiave economica, si traduce in esternalità o economie esterne. Il calcio, oggi è davvero un elemento fondamentale della cultura contemporanea: non è solo passione, sfottò e chiacchiere da bar, moviola e contro moviola ma società quotate, bilanci, rendiconti finanziari, marketing, merchandising, abbonamento alle pay-tv, profit, contratti commerciali di partnership, trasferimenti dei calciatori, contratti milionari, e cosi via, tutti aspetti che interessano anche gli studi di economia aziendale. Il presente lavoro, con la consapevolezza dei nostri limiti, ha l’obiettivo principale di analizzare gli aspetti economico-aziendali delle società calcistiche, focalizzando l’attenzione sulle particolarità del loro bilancio e sulle tecniche utilizzate di contabilità creativa finalizzate all’evidenziazione di determinazioni quantitative di equilibrio.
Il primo capitolo analizza l’evoluzione giuridica delle società di calcio, che da semplici associazioni sono poi diventante società di capitali, e gli aspetti caratteristici legati alla loro formula imprenditoriale.
Nel secondo capitolo si mettono in evidenza le particolarità del bilancio delle società calcistiche, analizzando le voci più importanti e rilevanti come i diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori e la capitalizzazione dei costi del vivaio, la valutazione economica del “parco giocatori”.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il calcio è lo sport più praticato, seguito e conosciuto nel mondo e in particolare nel nostro paese; la passione per questa disciplina sportiva è testimoniata dal numero di persone che la praticano, che la seguono quotidianamente, mediante le emittenti televisive e radiofoniche, testate giornalistiche e canali telematici; che vanno allo stadio per assistere alle partite di calcio. Il calcio e lo sport in generale sono considerati un bene meritorio, vale a dire un bene o servizio il cui consumo è ritenuto dalla collettività particolarmente desiderabile e meritevole quindi di tutela e di incoraggiamento da parte del settore pubblico. L’intervento dello Stato è quindi giustificato dall’impatto positivo che l’attività sportiva ha sul benessere psico-fisico di tutti gli individui, il che in chiave economica, si traduce in esternalità o economie esterne. Il calcio, oggi è davvero un elemento fondamentale della cultura contemporanea: non è solo passione, sfottò e chiacchiere da bar, moviola e contro moviola ma società quotate, bilanci, rendiconti finanziari, marketing, merchandising, abbonamento alle pay-tv, profit, contratti commerciali di partnership, trasferimenti dei calciatori, contratti milionari, e cosi via, tutti aspetti che interessano anche gli studi di economia aziendale. Il presente lavoro, con la consapevolezza dei nostri limiti, ha l’obiettivo principale di analizzare gli aspetti economico-aziendali delle società calcistiche, focalizzando l’attenzione sulle particolarità del loro bilancio e sulle tecniche utilizzate di contabilità creativa finalizzate all’evidenziazione di determinazioni quantitative di equilibrio. Il primo capitolo analizza l’evoluzione giuridica delle società di calcio, che da semplici associazioni sono poi diventante società di capitali, e gli aspetti caratteristici legati alla loro formula imprenditoriale. Nel secondo capitolo si mettono in evidenza le particolarità del bilancio delle società calcistiche, analizzando le voci più importanti e rilevanti come i diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori e la capitalizzazione dei costi del vivaio, la valutazione economica del “parco giocatori”.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Castelli Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2158 click dal 09/12/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.