Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il caso Watergate: l'inchiesta giornalistica che ha cambiato la storia

Il seguente lavoro di ricerca si proporrà di esaminare in maniera esauriente la vicenda concernente il cosiddetto caso Watergate, ovvero l'inchiesta giornalistica relativa al noto scandalo politico che nel 1974 culminò con le dimissioni di Richard M. Nixon dalla carica di presidente degli Stati Uniti d'America. Nello specifico il lavoro di ricerca si focalizzerà sui seguenti nuclei tematici:
- il periodo storico in cui l'amministrazione Nixon fu alla guida del governo americano;
- il resoconto dettagliato degli eventi riguardanti il caso Watergate;
- l'importanza del giornalismo investigativo;
- il potere dei mass media oggi.
La scelta dell'argomento ricade sull'importanza di ciò che rappresenta il caso Watergate, sia da un punto di vista giornalistico, che da un punto di vista prettamente storico. Sebbene siano passati quasi quarant'anni da quando esso si è verificato, ancora oggi tale avvenimento appare come un qualcosa di davvero singolare e straordinario. Col caso Watergate, infatti, si è di fronte ad una delle rarissime occasioni in cui il coraggio e la dedizione di taluni autorevoli giornalisti ha fatto si che il corso degli eventi storici cambiasse profondamente e radicalmente.
Gli eventi del caso Watergate sono legati in maniera inscindibile alla figura di Carl Bernstein e Bob Woodward, i due leggendari cronisti del Washington Post autori dell'inchiesta giornalistica nonché scopritori dello scandalo politico. Nella storia del giornalismo mondiale l'inchiesta di Bernstein e Woodward non rappresenta soltanto un ottimo esempio di professionalità, ma una vera e propria "crociata" a favore della giustizia e della democrazia; un'autentica battaglia senza esclusione di colpi contro un sistema politico fortemente dominato dalle menzogne, dalla corruzione e dall'abuso di potere, quella che è effettivamente stata l'amministrazione di Richard M. Nixon.
Ciò che rende estremamente appassionante ed avvincente il caso Watergate, a parte l'eccellente lavoro d'indagine svolto da Bernstein e Woodward, che tra l'altro all'epoca degli eventi erano solamente due giovani reporter alle prime armi, è il fatto che alcune circostanze particolari ed apparentemente banali abbiano portato in un breve lasso di tempo alla più grande crisi istituzionale nella storia della democrazia americana. Per la prima ed unica volta il Presidente degli Stati Uniti, ovvero la più importante personalità politica del pianeta, è stato costretto a rinunciare inevitabilmente al proprio incarico governativo, in seguito ad una lunga sequela di gravi accuse rivoltegli dagli organi di stampa.
In tutta la sua storia la superpotenza americana non è mai stata così prossima al tracollo, e ciò che colpisce maggiormente di tale avvenimento, è che esso non è si è verificato a causa di un attacco militare nemico, di un colpo di Stato o di una grave crisi economica, ma come conseguenza di una clamorosa inchiesta giornalistica sugli affari illeciti commessi dal Presidente e dai membri del suo staff. Mai come in questa occasione sarebbe più opportuno fare riferimento al famoso detto «ne uccide più la penna che la spada», dal momento che la disfatta della corrotta amministrazione di Richard M. Nixon è da attribuirsi in tutto e per tutto all'operato della carta stampata.
Man mano che ci si addentra nei particolari riguardanti il caso Watergate, si viene sempre di più rapiti da un profondo interesse per la vicenda, che spinge pressoché chiunque a porsi necessariamente un particolare quesito, ossia se può la pubblicazione di determinate notizie "scottanti" valere la crisi di uno Stato e di un'intera nazione. È a questo punto che entra in gioco il lato più intrigante e più coinvolgente della vicenda, rappresentato dall'ammirevole coraggio del Washington Post e dall'eroismo dei suoi due reporter che, nonostante siano perfettamente consci del grave rischio cui vanno incontro, si dimostrano comunque determinati in tutto e per tutto pur di arrivare fino in fondo per mettere in luce la completa verità dei fatti.
Nella storia del giornalismo il caso Watergate rappresenta senza alcun dubbio uno spartiacque, un vero e proprio punto di non ritorno, per cui non è per niente eccessivo considerarlo come l'antesignano indiscusso di tutte le grandi inchieste giornalistiche. Tuttora, a decenni di distanza, non si è ancora verificato niente di analogo o di lontanamente comparabile ad esso; finanche gli scandali politici come il Sexgate di Bill Clinton e l'Irangate di Ronald Reagan, seppur di notevole interesse, a confronto appaiono solamente come dei timidi echi.
Il lavoro svolto dalla redazione del Washington Post ha davvero dell'incredibile: arrivare nel giro di soli due anni alla scoperta di una delle più grandi cospirazioni politiche della storia ed alla conseguente messa al bando degli artefici di tale cospirazione, rappresenta davvero qualcosa di straordinario negli annali del giornalismo...

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il seguente lavoro di ricerca si proporrà di esaminare in maniera esauriente la vicenda concernente il cosiddetto caso Watergate, ovvero l'inchiesta giornalistica relativa al noto scandalo politico che nel 1974 culminò con le dimissioni di Richard M. Nixon dalla carica di presidente degli Stati Uniti d'America. Nello specifico il lavoro di ricerca si focalizzerà sui seguenti nuclei tematici: - il periodo storico in cui l'amministrazione Nixon fu alla guida del governo americano; - il resoconto dettagliato degli eventi riguardanti il caso Watergate; - l'importanza del giornalismo investigativo; - il potere dei mass media oggi. La scelta dell'argomento ricade sull'importanza di ciò che rappresenta il caso Watergate, sia da un punto di vista giornalistico, che da un punto di vista prettamente storico. Sebbene siano passati quasi quarant'anni da quando esso si è verificato, ancora oggi tale avvenimento appare come un qualcosa di davvero singolare e straordinario. Col caso Watergate, infatti, si è di fronte ad una delle rarissime occasioni in cui il coraggio e la dedizione di taluni autorevoli giornalisti ha fatto si che il corso degli eventi storici cambiasse profondamente e radicalmente. Gli eventi del caso Watergate sono legati in maniera inscindibile alla figura di Carl Bernstein e Bob Woodward, i due leggendari cronisti del 2 Washington Post autori dell'inchiesta giornalistica nonché scopritori dello scandalo politico. Nella storia del giornalismo mondiale l'inchiesta di Bernstein e Woodward non rappresenta soltanto un ottimo esempio di professionalità, ma una vera e propria "crociata" a favore della giustizia e della democrazia; un'autentica 2 Il Washington Post è il quotidiano più diffuso e più antico di Washington, assieme al New York Times è considerato da sempre come uno dei giornali più autorevoli degli Stati Uniti. Avendo sede nella capitale, il Washington Post si occupa generalmente di fatti concernenti la politica americana. http://www.time.com/time/magazine/article/0,9171,914778-1,00.html (Pagina web consultata il 4 Aprile 2010) 4

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonio Filippo Farris Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3091 click dal 13/12/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.