Skip to content

La criminalità minorile e la carriera criminale: quali interventi di prevenzione

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Milandri
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Sonia Specchia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

La tesi consiste, in primo luogo, nell'analisi del significato della devianza in generale e della criminalità minorile in particolare, prensentando le principali teorie esplicative delle stesse antecedenti alla rivoluzione epistemologica avvenuta negli anni '60 e mettendo in risalto le innovative ricerche compiute dai teorici dell'interazionismo e del naturalismo in quel decennio. Viene, inoltre, presentata la teoria elaborata di recente dallo studioso Gaetano De Leo e dal suo gruppo di ricerca. In secondo luogo, vengono presi in considerazione gli studi sulle carriere criminali e le loro considerazioni per quanto riguarda il ruolo svolto in esse dal carcere-penitenziario. Infine, si sottolinea come tali studi abbiano radicalmente modificato il modello di prevenzione del fenomeno criminale favorendo l'emergere di interventi di tipo promozionale. In quest'ultimo ambito viene presentato un progetto triennale di prevenzione-promozione che si è realizzato nella città di Forlì.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE “nullum bonum perfecte noscitur, quod non perfecte amatur” (“nessun bene è conosciuto perfettamente se non lo si ama perfettamente” Sant‟Agostino, Ottantatre questioni diverse, 35,2). Premetto che, dopo aver scritto quest‟opera, mi sento ancora più a disagio quando mi trovo in compagnia di persone cosiddette “perbene” che si scandalizzano e, prontamente, condannano le azioni delittuose commesse da minori comunicate, nonché generalmente distorte, dai mass-media. Mi sento come un‟iniziata alla conoscenza della criminalità minorile che, tuttavia, non ha il coraggio di esporsi pubblicamente perché teme di essere additata fra coloro che prendono le difese di quei “delinquenti”. E‟ per questo che devo chiarire che, come hanno scritto gli inglesi Marsh, Rosser e Harré nel saggio Le regole del disordine, tentare di comprendere il significato della devianza di certi giovani non significa affatto giustificarli: “non è nostro compito giustificare o 1 condannare taluni comportamenti; ci sforziamo semplicemente di renderli intelligibili”. Tuttavia, a 2 mio giudizio, per “renderli intelligibili”, come sosteneva Matza a suo tempo, occorre “rivalutare”, cioè apprezzare, accogliere, condividere, simpatizzare, compatire il soggetto studiato, farsi prossimi, sentire ciò che egli sente, fino, aggiungerei io, ad amarlo per quello che è. Per questa ragione ho scelto, come citazione iniziale del mio scritto, la frase di Sant‟Agostino. Nel sostenere un simile atteggiamento mi sento un po‟ colpevole perché complice di chi “devia”, ma ritengo che nel guadagno della conoscenza questo sia un prezzo che valga la pena pagare. La mia tesi è suddivisa in tre capitoli che fanno riferimento agli argomenti di cui si compone il titolo: la criminalità minorile, le “carriere criminali” ed, infine, gli interventi di prevenzione della prima. In tutte e tre le parti l‟avvio è rappresentato da una o più definizioni dei concetti usati. Riguardo al primo tema, sono partita dalla distinzione fra “devianza” e “delinquenza/criminalità” mettendo in evidenza, anche se ciò potrebbe suscitare scandalo a livello di pensiero comune, il carattere necessariamente relativo dei due concetti, cioè la loro dipendenza dall‟esistenza di una “norma”. E‟ per questo motivo che ho preso in considerazione il nostro Codice penale, ossia il sistema di norme valido, in gran parte, anche per i minori e in riferimento al quale vengono sanciti i reati e le pene corrispondenti. Un principio importante di tale sistema per la 1 MARSH P., ROSSER E., HARRÉ R., Le regole del disordine, Giuffrè editore, Milano, 1984, p. 104. 2 MATZA D., Come si diventa devianti, il Mulino edizioni, Bologna, 1976, p. 35. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carcere
carriera criminale
criminalità
criminalità minorile
criminologia
delinquenza
devianza
epistemologia eziologica
giustizia penale
giustizia riparativo-conciliativa
identità deviante
interazionismo
istituzioni totali
malattia mentale
naturalismo
norme
nuovo processo penale minorile italiano
penitenziario
prevenzione
promozione
reazione sociale
sistemi di mediazione autoregolativa
sociologia della devianza
teoria dell'azione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi