Skip to content

Qualità nei servizi di vigilanza dei dipartimenti di prevenzione: applicazione pratica di un sistema di gestione della qualità nel servizio PRE.S.A.L. della ASL RM D

Informazioni tesi

  Autore: Luca Pastore
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Scienze delle professioni sanitarie della prevenzione
  Relatore: Stefano Necozione
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

Alla base di questo lavoro vi è una considerazione: è inevitabile che i Dipartimenti di Prevenzione delle ASL si confrontino con il metro della qualità, avendo di fronte una utenza, composta dalla generalità dei cittadini, sempre più (e giustamente) esigente e pronta a rivendicare il proprio diritto ad avere servizi tempestivi ed appropriati.
Ma allora, può esistere un approccio unico ed univoco alla qualità, che tutti i Servizi di Prevenzione possano adottare e che li renda confrontabili su un maggior numero di parametri e non solo sul numero delle prestazioni?
Sulla base delle esperienze che sono maturate in ambito Sanitario, si può affermare che tale approccio esiste ed è quello sistemico volto cioè a garantire che siano posti tra loro in relazione ed ottimizzati, tutti gli elementi dell’organizzazione, che contribuiscono a fornire servizi di qualità.
Si tratta dell’approccio definito organizzativo, che passa attraverso la realizzazione di un Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ).
Tale approccio fornisce una ragionevole certezza che le attività del Servizio, compresa la vigilanza, rispondono a criteri di qualità e che soprattutto, la loro valutazione non sia autoreferenziale.
Lavorare in tale ottica non è un lusso ma significa utilizzare le risorse in modo congruo, evitando sprechi, ovvero costi inutili, che non creano valore.
Se è così, allora far funzionare bene il sistema, non lasciando nulla al caso, si tradurrà in un utilizzo ottimale delle risorse disponibili, qualunque sia la loro entità.
Dunque, lavorare in qualità diventa uno degli strumenti per economizzare.
La qualità di un’organizzazione, ovvero di un sistema, come l’abbiamo definito prima, è data non solo dalla preparazione tecnico professionale di chi ci lavora, ma anche dalla capacità organizzativo- gestionale di chi dirige.
Inoltre, se pure queste due dimensioni della qualità fossero presenti, si dovrebbe tenere conto anche della percezione che l’utente ha dei servizi che vengono erogati (qualità percepita).
Queste tre dimensioni sono sullo stesso piano, non si può affermare che la prima sia più importante delle altre: le organizzazione che sono forti solo in una o due di queste dimensioni non possono dirsi improntate alla qualità.
Il rapporto tra i Servizi di Prevenzione e l’utenza, rappresenta un paradigma relazionale complesso all’interno del quale è possibile individuare una serie di specifici processi e contesti di studio.
Le recenti trasformazioni avvenute nella politica dei servizi sanitari, hanno modificato i termini tradizionali di relazione.
L’offerta dei servizi sanitari infatti è sempre più vincolata alla domanda proveniente dai cittadini e dal loro relativo giudizio di soddisfazione.
In questo senso, la ricerca della qualità dei servizi e della soddisfazione dell’utenza è divenuta uno strumento di lavoro insostituibile nella programmazione dell’attività sanitaria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
-5- Premessa Il lavoro che segue è stato reso possibile grazie alla disponibilità e all’impegno appassionato e professionale del Direttore del Servizio Pre.S.A.L. (Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro) della ASL RM D, la Prof.ssa Maria Claudia Proietti che, con viva partecipazione e pazienza infinita, coadiuvata da tutto il suo staff, in particolare dal Resp. Sistema Gestione Qualità Dr Serafino Tudini, non solo ha acconsentito affinché il sottoscritto potesse svolgere un anno di tirocinio presso la struttura che dirige, ma soprattutto ha reso disponibile il materiale relativo al percorso intrapreso per il conseguimento nel 2003, tra le prime in Italia, della certificazione ISO 9001:2000, confermata nei successivi due trienni del 2006 e del 2009, con il relativo aggiornamento alla nuova ISO 9001:2008. Ciò a dimostrazione del fatto che, a dispetto della carenza di mezzi, personale e risorse, che da sempre affligge i Servizi di Prevenzione delle ASL, si può trovare la forza e il coraggio di migliorarsi, anche misurandosi con realtà più “ricche”, per tentare di produrre un lavoro più efficacie, efficiente ed appropriato, meritando così la nostra stima ed ammirazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

certificazione iso 9001:2008
customer satisfaction
sistema gestione qualità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi