Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stati Uniti e fattore religioso: la campagna elettorale del 2008 e la presidenza Obama

La religione ha da sempre ricoperto un ruolo fondamentale nella società americana. Sin dai primi insediamenti nel New England, la fede ha modellato le istituzioni e la mentalità delle comunità coloniali prima e della nascente nazione poi. È indubbio che per comprendere appieno la realtà statunitense non si può prescindere dal considerare il fattore religioso ed il modo in cui esso influenza le decisioni private e pubbliche. L’oggetto di questo lavoro è, per l’appunto, delineare come la società odierna sia giunta a coniugare un’anima fortemente religiosa con istituzioni marcatamente separatiste, in particolare in ambito politico. In una prima parte, vengono analizzati i fattori di carattere più marcatamente storico che hanno determinato la nascita dell’assetto costituzionale attuale mentre la seconda si concentra sull’aspetto più strettamente giuridico della questione; attraverso le più importanti sentenze della Corte Suprema, viene ricostruito l’effettivo rapporto tra Stato e religione degli ultimi sue secoli.
L’influenza della religione nella politica e nella campagna elettorale è l’oggetto del terzo capitolo, in cui si passa da un’analisi storica del fenomeno allo studio dell’elezione del 2008, in cui importanti tendenze vengono confermate. Innanzitutto il carattere trasversale dell’appartenenza politica dell’elettorato religiosamente orientato, che si basa sulla frequenza con cui l’elettore partecipa alle funzioni religiose (la c.d. attendance) piuttosto che la sua appartenenza confessionale. In secondo luogo la presenza di una forte correlazione tra orientamento politicamente conservatore ed alto grado di religiosità. In terzo luogo la nascita di una Religious Left, nata in opposizione alla Religious Right per dare risposte all’elettorato religioso di sinistra. Infine, viene confermata l’importanza delle tematiche morali, le c.d. religious issues, nell’influenzare il voto degli americani. Il quarto ed ultimo capitolo si occupa della presidenza Obama e cerca di delineare, seppur sommariamente, le linee guida dell’azione dell’amministrazione su temi di interesse religioso, in particolare la riforma sanitaria e la presenza islamica.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Sin dai primi insediamenti nel Nuovo Continente, la religione si è affermata come un elemento fondamentale per garantire la coesione delle comunità e nel tempo ha contribuito a forgiare l‟identità dell‟intera nazione degli Stati Uniti. L‟importanza dell‟analisi del ruolo che da sempre la fede ricopre nella società americana è stata confermata dagli innumerevoli studi che, a partire dalla metà del XIX secolo, sono stati prodotti sull‟argomento. Oggi, essa influisce in modo attivo in vari ambiti della vita sociale, compresa la politica. La rinascita dell‟attivismo religioso, seguita alle mobilitazioni degli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso, si è rivelata un fattore molto importante, rappresentando una svolta che ha cambiato sia i temi sia i metodi della partecipazione al dibattito politico. In seguito a questo cambiamento, l‟elettorato religioso ha cominciato a concentrare la sua attenzione su problematiche di carattere morale (le c.d. moral issues), coordinando a livello nazionale la propria azione. L‟oggetto della nostra ricerca è la valutazione della misura in cui la religione è stata determinante nel definire la collocazione politica degli americani nelle elezioni presidenziali del 2008, come pure dell‟influenza della parte più religiosa della popolazione sull‟elaborazione e sull‟attuazione delle politiche dell‟amministrazione Obama. Al fine di offrire una panoramica più completa sulla realtà americana attuale, abbiamo ritenuto opportuno analizzare brevemente l‟evoluzione storica del ruolo della religione nella società e nella politica del Paese. Nel primo capitolo ci occupiamo dell‟influenza che il sentimento religioso ha avuto sulla nascita della nazione. In particolare, ci soffermiamo sul ruolo delle colonie del New England, le cui comunità presentavano alcuni caratteri peculiari che si estesero poi all‟intera società americana. L‟importanza della fede in questo contesto storico è testimoniata inoltre dal susseguirsi di periodici risvegli religiosi, in cui la critica sociale si è coniugata in

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Diego Zanatta Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1336 click dal 15/12/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.