Skip to content

Il foro delle obbligazioni nello spazio giuridico comunitario

Informazioni tesi

  Autore: Simona Dametto
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: indirizzo internazionale
  Relatore: Marino Marinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

L’intensificazione, ad ogni livello, degli scambi internazionali tra gli Stati, ha fatto sorgere l’esigenza di regolare determinati aspetti legati a tali rapporti, caratterizzati da elementi di estraneità: uno degli obiettivi è stato disciplinare la giurisdizione ed il riconoscimento delle sentenze destinate a circolare nei diversi territori nazionali, compito assolto dalla Convenzione di Bruxelles del 1968, poi recepita nell’ordinamento comunitario, non senza modifiche, attraverso l’adozione del Regolamento CE 44/2001.
Sebbene l’art. 5, n. 1 della Convenzione riguardi espressamente le obbligazioni contrattuali, la lettera della norma ha avuto più volte necessità di essere interpretata dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia, al fine di preservarne l’unità applicativa all’interno dei diversi Stati firmatari.
Un siffatto lavoro ermeneutico da parte della Corte, ha portato ad applicare la norma convenzionale solo a seguito dell’individuazione della prestazione caratteristica del rapporto dedotto in giudizio. Questa nozione autonoma non si è però rivelata adeguata a risolvere i problemi interpretativi, legati all’individuazione della prestazione caratteristica stessa con riferimento a determinate fattispecie di contratto ovvero ad identificare la prestazione da considerare caratteristica tra altre equivalenti o tra le diverse prestazioni dedotte in giudizio.
Ancora più problematico è stato cercare di ricondurre all’ambito di applicazione dell’art. 5, n. 1, fattispecie che, per loro stessa natura, non sono propriamente definibili contrattuali, ma si collocano sulla linea di confine tra responsabilità contrattuale ed extracontrattuale, come nel caso della culpa in contrahendo. Azioni di accertamento negativo, obbligazioni di non fare, azioni strettamente collegate al contratto ma volte proprio a demolire il rapporto stesso cui ineriscono, come l’azione di simulazione o la revocatoria, e ancora, azioni come la surrogatoria ed il regresso, in cui si ha la modifica delle parti del rapporto sottostante, sono solo alcuni dei casi che sollevano grosse difficoltà interpretative in relazione all’art. 5, n. 1 della Convenzione.
Proprio a causa dei numerosi problemi applicativi, non solo parte della dottrina, ma anche la Corte di Lussemburgo ha sentito la necessità di una riforma, di una risistemazione della normativa che fosse in grado di rimuoverle. Il Legislatore comunitario ha recepito nel suo ordinamento la normativa convenzionale, rifondendo il suo contenuto nel Regolamento CE 44/2001, cercando così di trasformare in norma le critiche della dottrina e gli “aggiustamenti” fatti dalla giurisprudenza comunitaria alla Convenzione.
Il risultato è stato, però, una nuova norma che, se da un lato individua espressamente i criteri per stabilire la giurisdizione in relazione ai contratti di compravendita di beni e di prestazione di servizi, dall’altro sembra acuire il problema del suo riferimento ai contratti che già prima faticavano a rientrare in quest’ambito applicativo, ed anzi può sembrare così restrittiva, da escludere senza altra possibilità, tutte quelle fattispecie che non rientrano nella nuova rigida definizione normativa.
E’ chiaro, quindi, che la nuova norma non ha risolto il problema, bensì lo ha solo spostato, non risolvendo neppure la questione relativa alla frammentazione dell’applicazione del diritto, più volte sollevata dalla dottrina.
Ne consegue che, molto probabilmente, sarà ancora compito della Corte di Giustizia interpretare il nuovo art. 5, n. 1 del Regolamento e garantirne l’uniformità dell’applicazione, nei territori degli Stati Membri: essa sarà pertanto chiamata, in futuro, a far evolvere la propria interpretazione originaria, sulla base della modifica introdotta dalla normativa regolamentare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I n tr od u z i on e 1. B i s ogno di uni t à nor m a t i va e s pa z i o gi udi z i a r i o e ur ope o - 2. S upe r a m e nt o de l l a di s t i nz i one t r a gi ur i s di z i one e com pe t e nz a 1. B i s ogno di uni t à nor m at i v a e spaz i o gi udi z i ar i o e ur ope o La na s c i t a de l l a CE CA ne l 1951 ha da t o l ’a vvi o a d una t ra s form a z i one de l m odo di c onc e pi re i ra pporti t ra l e na z i oni ne l l o s pa z i o gi uri di c o de i pa e s i fi rm a t a ri : i nfa t t i c on l a s i gl a de l T ra t t a t o i s t i t ut i vo, pe r l a pri m a vol t a , un i m port a nt e s e t t ore de l l ’e c onomi a , t ra di z i ona l m e nt e re gol a t a da l l a norma t i va na z i ona l e , è s t a t o t ra s fe ri t o ne l l a s fe ra di c ont rol l o di un e nt e m e t a -na z i ona l e . Pe r a t t ua re la Com uni t à , si è pe rò ri ve l a t a ne c e s s a ri a un un’i nt e rpre t a z i one uni voc a de l l e e c om uni t a ri e , a l fi ne di s t a bi l i re c os a ri m a ne s s e ne l l a c om pl e t a di s poni bi l i t à de gl i S t a t i e qua l i , i nve c e , fos s e ro l e m a t e ri e c he ve ni va no a voc a t e a l c ont rol l o de l nuovo orga ni s m o. A que s t a funz i one nom ofi l a t t i c a s i è de di c a t a l ’a z i one de l l a Cort e di 1 G i us t i z i a de l l e Com uni t à Europe, c on l a s ua i nt e rpre t a z i one norma t i va , c he pe r de c e nni è st a t a di ti po e vol ut i vo, c on i l fi ne di es pa nde re le com pe t e nz e com uni t a ri e . 2 Oggi l a Com uni t à c ont a be n 25 S t a t i M e m bri e s ono i n c ors o ne goz i a t i pe r fut ure a de s i oni di a l t ri Pa e s i . E’ c hi a ro c om e , i n una re a l t à i n c ont i nua e s pa ns i one , un’i nt e rpre t a z i one uni voc a de l l e norme c om uni t a ri e , s i a a s s ol ut a m e nt e i ndi s pe ns a bi l e pe r a s s i c ura rne il ri s pe t t o non s ol o da pa rt e de gl i S t a t i M e m bri , m a anc he de i ci t t a di ni . D a l l a fi rm a de l pri m o T ra t t a t o a d oggi , c i s ono s t a t i gra ndi c a m bi a m e nt i ne l l ’a s s e t t o a t i vo e d i s t i t uz i ona l e , proprio pe r a da t t a re l e re gol e a l c re s c e nt e num e ro de gl i S t a t i 1 N a t a c om e C or t e di G i us t i z i a de l l a C om uni t à Eur ope a de C a r bone e de l l ’Ac c i a i o, è poi s t a t a c ondi vi s a da l l e t r e C om uni t à , di ve nt a ndo que l l a c he oggi è l a C or t e di G i us t i z i a de l l a C om uni t à Eur ope a : i nf a t t i , è s t a t o c hi a r o f i n da s ubi t o, c he l e t r e C om uni t à c os t i t ui va no un s i s t e m a i l c ui c e nt r o e r a l a C EE, c on due a ppe ndi c i col l a t e r a l i . 2 I P a e s i de l l a Com uni t à sono: -D a l 1951: Be l gi o, Ol a nda , L us s e m bur go, F r a nc i a , Ge r m a ni a ed It a l i a -1973: Gr a n B r e t a gna , I r l a nda , Da ni m a r c a -1979: Gr e c i a -1985: S pa gna e P or t oga l l o -1994: A us t r i a , Fi nl a ndi a e S ve z i a -2004: P ol oni a , Unghe r i a , Re pubbli c a Ce c a , Sl ova c c hi a , Sl ove ni a , E s t oni a , L e t t oni a , L i t ua ni a , Ma l t a e C i pr o. 1 normenorm

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

competenza giurisdizionale
convenzione di bruxelles del 1968
diritti di obbligazione
fori speciali
regolamento ce 44/2001

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi