Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'amministrazione podestarile nel Comune di Vernole (1927-1943)

L’obiettivo di questo lavoro è dare un contributo a questo filone di studi attraverso l’analisi di un caso specifico ossia, l’amministrazione del comune di Vernole (nel periodo compreso tra il 1923 e il 1943). La sua economia, era basata essenzialmente sull’agricoltura, e l’attività primaria era rappresentata dalla coltivazione dell’ulivo e dalla produzione di olio nei frantoi sotterranei che ancora oggi sono disseminati su tutto il territorio comunale. Scarsa era invece la produzione del tabacco, almeno nel corso degli anni Venti, al contrario di quanto avveniva nel resto del circondario leccese, che anche attraverso la coltivazione e la lavorazione del tabacco, all’indomani della grande guerra, stava cercando di risanare le precarie condizioni economico-sociali .
Quindi, attraverso l’analisi dell’amministrazione di questo piccolo comune cercheremo di fornire un contributo alla ricostruzione sempre più dettagliata delle modalità di penetrazione del fascismo nel Meridione.
Possiamo affermare che con la legge del 4 febbraio 1926, n. 237, che istituiva il regime podestarile in tutti i comuni italiani , Mussolini già da tempo – com’è noto – saldamente al potere, si proponeva di «dare sanzione giuridica a quella ch’era ormai la realtà obiettiva dei fatti e di spazzare via dai comuni ogni vestigio di autonoma vita politica» , ponendo alla guida delle amministrazioni locali nuove personalità, i podestà, che riunivano nelle proprie mani i poteri precedentemente appartenuti al sindaco, al Consiglio e alla Giunta. Lo scopo di questo nuovo istituto era di garantire la massima dedizione delle amministrazioni locali nell’attuazione delle direttive provenienti dal governo fascista, attraverso appunto, una maggiore subordinazione politico-amministrativa delle periferie rispetto al centro.
L’istituto podestarile fu soprattutto all’inizio, un trait d’union fra fascismo e rappresentanti del potere politico ed economico locale dell’età liberale. Ma a partire dalla prima metà degli anni Trenta, si sarebbero affermati soggetti provenienti direttamente dalle file del partito fascista .
Gli anni che precedettero la riforma podestarile, furono contrassegnati dallo scioglimento dei consigli comunali cui fece seguito la nomina dei commissari straordinari, che, prima dell’emanazione della legge del 1926, fu il primo passo che segnò il passaggio, sul piano del decentramento amministrativo e del governo del territorio, dallo Stato liberale al nuovo regime.
Comunque il disegno mussoliniano di costruire un solido rapporto tra centro e periferia non riuscì nella sua interezza. Soprattutto al Sud il podestà si configurò, non tanto come un fulgido e rispettoso rappresentante del fascismo a livello locale, bensì come uno strenuo difensore degli interessi della comunità alla quale apparteneva.
Così avvenne anche a Vernole, dove i due podestà che governarono nel periodo compreso tra il 1927 e il 1943 cercarono in tutti i modi di favorire gli interessi della comunità e soprattutto dell’élite del centro salentino; naturalmente ponendo particolare attenzione al mantenimento di buoni rapporti con le autorità centrali, soprattutto attraverso aperte e apologetiche celebrazioni del regime e dei suoi rappresentanti. Tale atteggiamento probabilmente era più strumentale che derivante da una sincera adesione ideologica dei vernolesi al regime, come afferma lo studioso locale Luciano Graziuso nel suo lavoro Vernole e Frazioni: «si tratta, di persone che in fondo manderebbero volentieri a quel paese Mussolini e il fascismo, ma ora preferiscono sottomettersi, osannando al vincitore politico del momento, perché così stanno le cose e ribellarsi pare loro un rimedio peggiore del male. È una mentalità, diffusa soprattutto nel Meridione e tipica della classe piccolo-intellettuale-borghese che, in genere, dalla sottomissione ai potenti e dall’accordo con loro ha trovato sempre qualcosa da guadagnarvi» .
La seconda parte di questo lavoro, quella più propriamente dedicata alla ricerca, affronta il periodo dal 1923 al 1927, contrassegnato dall’avvicendamento, alla guida del comune di Vernole di tre commissari straordinari, nominati dopo lo scioglimento della vecchia amministrazione comunale.
Ma l’attenzione sarà posta soprattutto alle successive gestioni podestarili: la prima del Geom. Luciano Graziuso che va dal 1927 al 1932; la seconda dell’Avv. Pasquale Sansonetti compresa tra il 1932 e il 1943.
L’operato dei commissari straordinari e soprattutto quello dei podestà è stato preso in esame attraverso il ricorso ai documenti conservati nell’Archivio Storico del Comune di Vernole e nell’Archivio di Stato di Lecce. Più precisamente, nell’archivio vernolese sono stati consultati i registri delle delibere degli anni compresi tra il 1922 e il 1943; mentre nell’Archivio di Stato di Lecce sono stati esaminati i fondi di prefettura appartenenti al comune di Vernole nel periodo che va dal 1923 al 1941, con particolare attenzione alla situazione socio-economica.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Prima di addentrarci nello studio sulle amministrazioni podestari l i (ist i tuti di chiara ispirazione fascista affermatisi a part ire da l 1926) è bene premettere che tale argomento, oggetto di questa ricerca, è stato a lungo t rascurato dalla storiografia contemporanei st ica . Questa “carenza” riguarda in particolare la gestione degli enti locali meridionali , ad esclusione di alcune significative realtà. Come ha scri t to lo storico Guido Melis «sono rare le ricerche sulle poli t iche locali . In molti casi la dispersione delle fonti e la prevalenza di al tri interessi storiografici hanno prodotto vistose lacune nella conoscenza della vita pubblica meridionale» 1. Tuttavia, negli anni Novanta la storiografia sul fascismo locale si è arricchita di signif icativi apporti e di nuovi contributi interpretativi . Riprendendo le acute ri flessioni di Luca Angeli , nel suo saggio dedicato proprio all‟ist i tuto podestari le, possiamo dire che «negli anni Novanta si è ampliato l‟interesse intorno ai fascismi locali non solo per sottolineare l ‟inconsistenza dell‟immagine monolit ica e nazionale del fascismo, ma anche per lanciare ricerche settoriali , come quelle sugli amminis tratori prescelt i dal regime, che possano i l luminare aspett i trascurati del periodo fra le due guerre, in particolare into rno ad alcune questioni relative ai rapporti centro/peri feria e Stato/parti to » 2. L‟obiett ivo di questo lavoro è dare un contributo a questo fi lone di studi at t raverso l‟analisi di un caso specifico ossia, l‟amministrazione del comune di Vernole (nel periodo compreso tra i l 1923 e i l 1943), un piccolo centro rurale salentino si tuato a Sud di Lecce, a pochi chilometri di distanza dal capoluogo, e 1 G. Melis, Società senza Stato? Per uno studio delle amministrazioni periferiche tra età liberale e periodo fascista, in Poteri locali, «Meridiana» n. monografico 4, 1988, p. 91. 2 L. Angeli, L’istituto podestarile. Il caso di Torino in prospettiva comparata (1926-1945), «Passato e presente», XIX, n. 52, 2001, p. 19.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Giampaolo Mercadante Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 390 click dal 15/12/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.